Lunedì intorno alle 13.00, una pattuglia della Squadra Volante è intervenuta in località San Donnino, in stradello Barca a ridosso del fiume Panaro nei pressi di una centrale idroelettrica, in quanto erano stati segnalati da un dipendente della società che gestisce l’impianto, quattro ragazzini intenti a fare il bagno in un punto molto pericoloso per la presenza di un invaso profondo oltre 5 metri e di turbine che creano mulinelli e gorghi.

Vani i tentativi da parte degli agenti di richiamare l’attenzione dei ragazzi a causa della notevole distanza che li separava e del forte rumore di fondo causato dall’acqua. La corrente del tratto di fiume interessato era molto forte e l’acqua presente considerevole.

Gli operatori al fine di mettere in sicurezza i giovani hanno, pertanto, deciso di guadare il fiume, il cui fondo tra l’altro era particolarmente sdrucciolevole, fino a raggiungerli e a riportarli a riva. I tre ragazzini, tutti minorenni tra i 13 e i 14 anni, una volta accertata la loro incolumità, sono stati ammoniti circa il grande pericolo che avevano corso ed accompagnati in Questura per essere riaffidati ai rispettivi genitori.

 

Articolo precedenteAl via il primo Sisal Talk con il bilancio di sostenibilità 2022
Articolo successivoAnziano in carrozzina morto investito a Pavullo