immagine d’archivio

Senza patente alla guida di un ciclomotore privo di copertura assicurativa e di revisione, per di più già sanzionato per gli stessi motivi pochi mesi prima. Proprio per la reiterazione della guida senza patente, l’uomo, un 49enne residente in provincia, è stato denunciato dalla Polizia locale di Modena che lo ha fermato nelle scorse settimane.

A rilevare la mancanza di copertura assicurativa del ciclomotore è stata la strumentazione in dotazione al Safer Traffic, il veicolo della Polizia locale che tramite il sistema di lettura targhe collegate a banche date consultate in tempo reale dagli agenti, consente di rilevare diverse infrazioni, tra le quali appunto la mancanza della copertura assicurativa. Da gennaio ad oggi il Targa Sistem ha consentito di rilevare e fermare una cinquantina di veicoli privi di copertura assicurativa, mentre sono stati addirittura 1103 le mancate revisioni riscontrate.
In particolare, il controllo sulla targa del ciclomotore in questione, marca Gilera, che il 10 giugno transitava su via Giardini in prossimità dell’incrocio con viale Amendola, ha confermato anche i vincoli amministrativi che gravavano sul mezzo, cioè un atto di confisca da notificare al proprietario.

L’uomo, per di più, non si è fermato all’alt degli operatori della Polizia locale e ha proseguito la sua corsa imboccando la ciclabile, salvo poi essere intercettato dopo alcune centinaia di metri mentre si immetteva su via Contrada. Alla vista degli agenti, ha tentato nuovamente di invertire il senso di marcia e il ciclomotore è scivolato a causa del fondo bagnato. Incolume il conducente che ha rifiutato i soccorsi, ma che, oltre alla denuncia a piede libero, deve rispondere di una serie di infrazioni amministrative.
A suo carico sono stati infatti elevati verbali per: reiterata mancanza della revisione del veicolo (la violazione dell’articolo 80 del Codice della Strada comporta una sanzione per 173 euro, che se pagata entro cinque giorni si riduce a 121; reiterata mancanza della copertura assicurativa (868 euro che diventerebbero 606 in misura ridotta); guida di un veicolo già sottoposto a sequestro (1.388 euro), ciclomotore che infine è stato confiscato. Non ottemperare all’invito degli agenti a fermarsi comporta, invece, l’inoltro della contestazione all’autorità competente.

Articolo precedenteI primi 25 anni della Neuroriabilitazione dell’Ospedale di Correggio
Articolo successivoCampovolo: in 40mila per sostenere produttori e aziende