Gli impianti fotovoltaici sulla copertura e quelli per il solare termico, per favorire la sostenibilità energetica e delle utenze; la posa della pavimentazione sportiva interna in materiale “Taraflex” e i tracciamenti per i campi da pallamano e pallavolo; la riqualificazione della pavimentazione esterna, in prossimità degli ingressi. Sono i principali interventi realizzati nelle ultime settimane al PalaMolza, l’impianto sportivo di viale Monte Kosica a Modena in cui sono quasi terminati i lavori di riqualificazione svolti negli ultimi anni. A settembre la struttura tornerà a disposizione delle scuole e delle società per attività sportive che ne valorizzino le potenzialità a favore della comunità e del territorio, mentre è in corso il bando per l’affidamento della gestione (domande entro il 7 settembre, informazioni sul sito www.comune.modena.it/argomenti/sport).

La verifica sullo stato di avanzamento degli interventi si è svolta questa mattina, lunedì 28 agosto, nel corso di un sopralluogo con il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e gli assessori Grazia Baracchi (Sport e Istruzione) e Andrea Bosi (Lavori Pubblici), insieme a tecnici comunali e a rappresentanti delle aziende che hanno effettuato i lavori.

L’impianto sarà nuovamente destinato al mattino, come lo era anche prima della riqualificazione, all’attività delle scuole mentre al pomeriggio sarà utilizzato per le attività delle società sportive, con una “vocazione” per la pallamano per le discipline rotellistiche come, per esempio, pattinaggio e hockey. Come è stato spiegato durante il sopralluogo, nelle prossime settimane verranno completate le finiture – per esempio, l’installazione della rubinetteria e la collocazione degli arredi sportivi come pali per fissare la rete e porte da gioco – per rendere completamente fruibile la struttura. L’installazione della tribuna avverrà ad attività avviata, nel mese di ottobre.

Gli interventi per riqualificare il PalaMolza hanno preso il via nell’autunno del 2020. Al primo stralcio di lavori di rinnovo strutturale con la demolizione e ricostruzione del padiglione B, del valore di 1,5 milioni di euro, è seguito lo stralcio in corso volto alla realizzazione delle finiture sportive per un valore complessivo di 875mila euro che dovrà essere aggiornato al nuovo prezzario. In particolare, nel nuovo padiglione B è stata posata la pavimentazione sportiva del campo da pallamano e pallavolo, sono stati ristrutturati gli spogliatoi lungo la testata del fabbricato e i bagni del primo piano, rifatte le canalizzazioni dell’impianto di climatizzazione e le coibentazioni, installato un impianto solare termico, realizzato l’impianto di illuminazione con l’installazione di lampade a led ed effettuati interventi di adeguamento alle normative antincendio. Anche il padiglione A è interessato da alcuni lavori di rinnovo, come il rifacimento di intonaci e tinteggi, oltre alla pulizia profonda della pavimentazione del campo da hockey e il rinnovo dell’impianto di illuminazione dell’area di gioco.

Hanno tempo fino a giovedì 7 settembre le società e le associazioni sportive, gli enti di promozione sportiva e le federazioni sportive che, anche in maniera congiunta, intendono presentare la domanda per la gestione biennale del PalaMolza di viale Monte Kosica a Modena. Il bando per la presentazione dei progetti è pubblicato online (www.comune.modena.it/argomenti/sport).

La convenzione riguarda entrambi i padiglioni e prevede che l’assegnazione avvenga tenendo conto anche dell’esperienza nella gestione di impianti sportivi, delle capacità organizzative e della volontà di collaborare con altri soggetti del territorio, con l’obiettivo di promuovere la condivisione delle opportunità.

In particolare, il bando prevede che l’utilizzo del padiglione A sia riservato per almeno il 70 per cento della fascia oraria extrascolastica alle discipline rotellistiche; che l’utilizzo del padiglione B sia riservato per almeno il 70 per cento della fascia oraria extrascolastica allo svolgimento di attività di pallamano; che gli spazi riservati al Comune per collocare attività sportiva a favore di soggetti diversi dal gestore possano arrivare fino al 70 per cento delle ore in cui è possibile svolgere attività sportiva nel padiglione A nella fascia extrascolastica e fino al 30 per cento delle ore in cui è possibile svolgere attività sportiva nel padiglione B nella fascia extrascolastica. A favore del gestore è previsto un corrispettivo di 138.950 euro più iva per 24 mesi mentre il canone da versare all’Amministrazione comunale ammonta a 2.200 euro più iva.

Con l’avviso pubblico si precisa anche il piano tariffario per gli utilizzi della struttura, in funzione pure della tipologia di gestione dell’impianto che vedrà un impegno per tutta la giornata, dalle ore 8 alle 23: prima della riqualificazione, invece, l’Amministrazione comunale gestiva con proprio appalto la custodia e la pulizia negli orari di utilizzo da parte delle scuole. Tra le principali novità, l’introduzione di tariffe orarie per l’utilizzo degli spogliatoi, dei servizi igienici e dell’infermeria in occasione di manifestazioni che si svolgono nei pressi del PalaMolza e in particolare al parco Novi Sad; l’introduzione di tariffe per poter utilizzare gli spazi per partite, diversificate per padiglione e a seconda che si svolgano in giorni feriali, nel week end o nei festivi; l’adeguamento dei prezzi per lo svolgimento di allenamenti, diversificati per padiglione.

Articolo precedenteCastelnovo Monti: droga e alcol sulle strade, cinque conducenti nei guai
Articolo successivoPrevisione meteo Emilia Romagna, martedì 29 agosto 2023