“Con questa 44esima edizione, la Giareda rinnova i suoi significati – religioso, civile, culturale, economico – che possono essere contenuti in una sola parola: comunità”, ha detto stasera il sindaco Luca Vecchi, durante l’inaugurazione della Sagra di Reggio Emilia.

Il sindaco si rivolgeva a visitatori, esercenti, artigiani e autorità, fra le quali il prefetto Maria Rita Cocciufa, l’arcivescovo Giacomo Morandi, il presidente della Provincia Giorgio Zanni e quello della fabbriceria del Tempio della Ghiara Gino Farina, l’assessora alla Valorizzazione del Centro storico, Attività produttive e Commercio Mariafrancesca Sidoli e il priore della Comunità dei Servi di Maria della Ghiara, padre Cesare Antonelli.

“La Giareda ha sicuramente forti radici nella tradizione della nostra città – ha aggiunto il sindaco – ma non manca, anche quest’anno, di includere, accanto a un forte senso di appartenenza, una propensione a innovare, grazie alla capacità dei suoi promotori e affezionati frequentatori, cioè le cittadine e i cittadini di Reggio Emilia, di far dialogare tradizione e cambiamento. Anche per queste caratteristiche, la Giareda è tipicamente la festa della nostra città.

“Anche i luoghi, in particolare quelli pubblici, sono parte della comunità, perché le permettono di vivere e la raccontano – ha proseguito il sindaco – I luoghi di solito dicono tanto delle persone che li abitano. Vale anche per i luoghi della Giareda che si articola, accanto all’antica e splendida basilica, lungo un percorso che va da porta Santo Stefano di fatto a porta Castello: un sistema non solo di strade e piazze importanti, ma prima ancora di luoghi con significati importanti, di spazi che le diverse recenti riqualificazioni e iniziative hanno inteso valorizzare e dedicare maggiormente alle persone.

“Le antiche piazze Gioberti, Roversi, della Legna e di porta Castello sono tornate ad essere appunto piazze, luoghi di sosta, di incontro e ritrovata qualità urbana, grazie a progetti innovativi, che hanno risposto sia alla necessità di valorizzazione del passato e sia ai bisogni e stili di vita contemporanei.

“Ancora una volta dunque – ha conclusi il sindaco – dialogo fra tradizione e innovazione, un dialogo pacifico, che non potrà non accompagnare i giorni della nostra Giareda”.

Articolo precedenteStamane la Polizia di Stato di Modena ha effettuato un nuovo intervento in via Malmusi
Articolo successivoCroce Rossa Italiana Comitato di Sassuolo al Festival Filosofia 2023