Sabato 9 settembre a Maranello torna il “Tola Dolza Day”, seconda edizione della giornata dedicata a Monica Mammi, cittadina maranellese scomparsa nel dicembre 2021 a soli 43 anni. A lei è stato intitolato un anno fa il “Quiet Corner” alla Torre della Strega di Fogliano, un luogo per sostare, ammirare il panorama e trovare ristoro interiore.

E a Monica è dedicata la giornata in programma sabato 9 settembre con una camminata con partenza alle 16.30 nel parcheggio delle scuole medie in Via Claudia e arrivo al Quiet Corner alla Torre della Strega dopo aver percorso il suggestivo sentiero che lungo Via Fogliano collega il centro cittadino con la località collinare, lungo il quale sono anche collocate alcune targhe con frasi e citazioni care a Monica. A seguire, un momento di festa alla Chiesa di Fogliano con stand gastronomico a cura dell’AVAP di Maranello: il ricavato verrà totalmente devoluto in beneficenza.

Monica Mammi, persona molto conosciuta a Maranello, era stata consigliere comunale ed era impegnata attivamente nel volontariato. Dopo la sua scomparsa un gruppo di amici ha deciso di mantenerne vivo il ricordo con una serie di iniziative, tra raccolte fondi per supportare la ricerca sulle leucemie e l’attività missionaria della maranellese Suor Donata Ferrari in Africa. E dagli amici di Monica, con il supporto dell’amministrazione comunale, è nata l’idea di realizzare alla Torre della Strega, sulle colline di Fogliano, in un luogo che lei amava e frequentava molto durante le sue passeggiate, un angolo di tranquillità da cui ammirare lo splendido panorama circostante. Un vero e proprio “quiet corner”, con due panchine, un tavolo in legno e tre nuovi alberi piantumati, che una volta cresciuti offriranno anche un po’ di ombra nelle giornate più calde: una tappa accogliente per chi arriva alla Torre di Fogliano durante una camminata.

 

Articolo precedenteI laboratori del Centro per le Famiglie di Sassuolo in occasione del Festivalfilosofia
Articolo successivoLa Cardiologia del Santa Maria Nuova ha partecipato allo studio “FIRE”