Per gli abitanti del Comune di Guastalla la giornata di domani, avrà due inizi, distinti ma legati tra loro. Sono la ripartenza della scuola e l’apertura del sottopasso ciclopedonale alla stazione.

Il nuovo collegamento, infatti, permette agli studenti e a tutti i cittadini, di spostarsi in sicurezza -a piedi o in bicicletta- dal centro abitato agli istituti scolastici e al polo sportivo, che si trovano dall’altra parte della linea ferroviaria.

Realizzata da Fer, dopo la demolizione della passerella metallica comunale, l’opera consente anche l’accesso ai marciapiedi della stazione ed è dotata di un sistema di video sorveglianza.

Si inserisce in un più ampio quadro di lavori dal valore complessivo dal valore di oltre 9 milioni di euro – di cui 7,15 milioni finanziati con i Fondi di Sviluppo e Coesione 2021-2027 e 2,145 milioni sono risorse regionali – che nell’ottobre 2022 hanno portato al completamento della riorganizzazione del piano del ferro della stazione di Guastalla, sulla linea Parma-Suzzara.

“Avevamo detto che in occasione della ripartenza dell’anno scolastico il sottopasso sarebbe stato pronto, e così è stato- sottolinea l’assessore regionale a Mobilità e Trasporti, Andrea Corsini- Ringrazio quindi il Comune di Guastalla e Fer per il lavoro puntuale e di squadra, che porta alla completa riapertura di domani, così come previsto dal cronoprogramma”.

“Ci tengo inoltre a sottolineare- continua l’assessore- che questo importante e atteso intervento di ricucitura urbana al servizio degli studenti e di tutti i cittadini del territorio, si inserisce in una più ampia strategia della regione Emilia-Romagna che, in linea con il nostro Patto per il Lavoro e per il Clima, continua a investire sullo sviluppo di modalità di spostamento sempre più sicure, efficienti e sostenibili”.

“La costruzione del sottopasso della stazione di Guastalla è stato il frutto di un fattivo percorso di collaborazione tra il Comune di Guastalla, Fer e la Regione Emilia-Romagna- spiega la sindaca di Guastalla, Camilla Verona-. Il risultato è molto importante per la sicurezza di tutti coloro che lo utilizzeranno per andare dalla stazione e dal centro città verso gli istituti scolastici, il polo sportivo, l’Ospedale Civile e verso la zona di Pieve, aldilà della ferrovia. Come abbiamo promesso, gli studenti lo potranno utilizzare fin dal primo giorno di scuola per raggiungere le proprie sedi velocemente e, mi ripeto ma mi preme sottolineare, in sicurezza. Ringrazio tutti – maestranze, tecnici, dipendenti comunali – che in forme diverse hanno lavorato al meglio per raggiungere questo obiettivo nei modi e nei tempi previsti”.

 

 

Alcune finiture complementari, che non pregiudicano l’apertura in piena sicurezza del sottopasso, saranno ultimate nei prossimi mesi.

 

Articolo precedenteLe aziende in città: torna a Formigine il convegno sullo Smart Eco District
Articolo successivoPoste italiane assume, in provincia di Modena, operatori di sportello categorie art. 1 legge 68/99