Ludopatia e videogiochi non sono necessariamente due facce della stessa medaglia. Anzi. Di questa differenza, che può essere sostanziale, e tanto altro, si parlerà a San Felice sul Panaro, dove lunedì 18 settembre ore 18, presso la sala consiliare del municipio di piazza Italia 100, si svolgerà l’incontro, aperto ai cittadini, di presentazione di: “Fuori dai giochi.

Progetto di contrasto al gioco d’azzardo e alla ludopatia” nel corso del quale sarà presentata anche l’iniziativa “Videogames are Good”. Il progetto è promosso da Ausl Modena, Unione Comuni Modenesi Area Nord, Centro Servizi Volontariato Terre Estensi, Società Dolce e Federconsumatori Modena in collaborazione con numerose realtà impegnate sul territorio in ambito sociale quali Opengroup che si occupa dell’educativa di strada e gli sportelli di supporto psicologico presenti nelle varie scuole del distretto, associazione Multiverso che avrà un suo spazio dedicato ai giochi da tavolo nell’ambito dell’evento “Videogames are Good” e stazione Rulli Frulli coinvolta nella promozione e divulgazione dell’iniziativa.

In apertura dell’incontro ci saranno i saluti istituzionali di Elisabetta Malagoli, assessore al Welfare del Comune di San Felice, Monja Zaniboni, sindaco di Camposanto e assessore alle Politiche giovanili dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, Chiara Rubbiani, direttrice del Centro servizi volontariato e di Pierangelo Bertoletti, responsabile del Servizio Dipendenze Patologiche del Distretto di Mirandola e referente del progetto gioco d’azzardo patologico per l’Area Nord dell’Ausl di Modena.

Si partirà con un’analisi del contesto sul gioco d’azzardo patologico a partire dalle risposte del territorio del Distretto di Mirandola, con relatori Laura Solieri del Centro Servizi Volontariato, Laura Secchi della Società Dolce e Anita Della Mura di Open Group; a seguire, Samuele Cavani, coordinatore servizi area educativa della Società Dolce, interverrà su: “Il mondo di internet: favorire un possibile dialogo intergenerazionale”, mentre Andrea Ganzerli di Gamers Arena Ads si soffermerà su: “Utilizzare i videogiochi in modo consapevole. Presentazione dell’evento “Videogames are Good”. Modera l’incontro la giornalista Laura Solieri.

Ma i videogiochi possono essere anche una tecnologia positiva, inclusiva e divertente, se utilizzati in modo consapevole. E a dimostrarlo arriva l’iniziativa “Videogames are good”, presentata a San Felice, e che si svolgerà dal 21 al 24 settembre a Medolla, presso il circolo ricreativo “Arcobaleno” di via Grande 23, e sabato 30 settembre, a Cavezzo, presso la sede Anffas in piazza Tre Martiri 2.  Le mattinate del 22 e 23 in particolare saranno dedicate alle scuole e saranno presenti una psicologa e un educatore per spiegare l’importanza del corretto approccio ai videogames; il 22 alle ore 18 ci sarà una conferenza aperta alla cittadinanza alla presenza della dottoressa Elena Del Fante e del divulgatore Michael Bianchi. Nel corso della manifestazione ci saranno le ultime novità, postazioni speciali, tornei e attività, ma soprattutto tanto divertimento per giornate all’insegna dell’aggregazione multiculturale adatta a ogni età, dai padri ai figli, dai nonni ai nipoti. Saranno proposti una selezione di titoli etici e spiegato come utilizzare i videogiochi in modo consapevole ponendo attenzione sulle insidie che possono celarsi all’interno delle pratiche commerciali presenti. “Videogames are Good” è un evento per tutti, bambini, ragazzi, famiglie. Nel ricco programma ci sono tornei ma anche incontri di divulgazione e convegni interattivi con gli esperti. “Videogames are Good” è un progetto di Gamers Arena Asd, ideato dalla collaborazione con Anffas Mirandola e Unione Comuni Modenesi Area Nord, Ausl Modena, altri enti e associazioni.

Articolo precedenteScuola di Musica di Finale Emilia: il calendario degli Open Days
Articolo successivoPremio Barresi per imprese giovanili e sostenibili: al via l’edizione 2023