Sabato 23 e domenica 24 settembre il Borgo di Colle Ameno e al Parco del Chiù, a Pontecchio Marconi, ospiteranno la I edizione di Appennino Outdoor Fest,  una “due giorni” interamente dedicata all’outdoor, con incontri e attività per conoscere meglio i cammini e le ciclovie che attraversano Sasso Marconi e l’Appennino Tosco Emiliano.

La manifestazione, organizzata da Appennino Slow in collaborazione con il Comune di Sasso Marconi, l’Associazione Parco del Chiù e numerose realtà del territorio legate al mondo outdoor, nasce per promuovere il territorio che da Sasso Marconi, vera e propria “porta dell’Appennino”, sale verso la montagna abbracciando le valli del Reno e del Setta: un territorio che, con le sue colline, i suoi sentieri e i suoi tracciati storici, rappresenta una meta apprezzata da camminatori e cicloturisti ma anche da tante famiglie grazie alle numerose opportunità di sport e svago all’aria aperta abbinate a una ricca proposta eno-gastronomica.

Per consentire ai visitatori di toccare con mano la ricchezza di questo territorio, gli organizzatori hanno messo a punto un articolato programma di eventi e attività all’aperto: percorsi in bicicletta, passeggiate, dimostrazioni, prove adatte a tutti e tour enogastronomici per pedalare o camminare in gruppo e scoprire i prodotti tipici del territorio, animeranno le due giornate, contribuendo a rendere Appennino Outdoor Fest un evento interessante per un pubblico eterogeneo, che include turisti, famiglie, sportivi, appassionati di trekking e del pedale.

Dal bike village allestito al parco del Chiù partiranno poi escursioni in e-bike, mountain bike e gravel bike, mentre le visite guidate programmate per l’occasione saranno l’occasione per conoscere meglio il settecentesco borgo di Colle Ameno e gli itinerari marconiani che si snodano sulle colline sassesi.

Alle attività ‘sul campo’ si accompagneranno una serie di incontri informativi, programmati nelle sale pubbliche di Colle Ameno: un’occasione per conoscere meglio i grandi cammini come la Via degli Dei,  viaggiare virtualmente lungo itinerari meno conosciuti ma sempre più apprezzati dagli escursionisti (come il cammino di San Francesco da Rimini a La Verna, la Via Romea Imperiale, la Via Medicea o la Via Francesca della Sambuca) e presentare alcune delle best practices dell’Emilia Romagna – regione all’avanguardia per il turismo – attraverso il lavoro degli Enti impegnati nell’attività di coordinamento e promozione turistica come APT Servizi ed eXtraBO, ufficio dedicato alle proposte outdoor del territorio metropolitano.

Anche le associazioni sportive hanno contribuito alla costruzione del programma, organizzando prove gratuite (mountain-bike baseball, softball, frisbee, orienteering…) adatte a tutti, anche ai bambini. Per i più piccini ci sono anche laboratori con i lego e la possibilità di visitare il Piccolo Museo della Fiaba, lo spazio espositivo dedicato al mondo delle fiabe, allestito a Colle Ameno, nelle sale di Villa Davia.

Ad arricchire il programma del week-end contribuirà una serie di eventi collaterali: il mercato dei produttori agricoli e dell’artigianato artistico, i momenti di spettacolo e intrattenimento musicale, la presentazione di guide e libri di viaggio a cura di Pro Loco Sasso Marconi. Per finire, il ristorante gestito dall’Associazione Parco del Chiù, accanto ai piatti della tradizione, offirà ai visitatori la possibilità di provare un menù speciale, dedicato ai sapori che si incontrano percorrendo i nostri cammini (dalla Via degli Dei alla Via della Lana e della Seta passando dal cammino di San Francesco), rendendo l’Appennino Outdoor Fest un evento davvero per tutti i gusti!

Il programma completo della manifestazione è disponibile su https://www.infosasso.it/outdoor-fest

Per informazioni contattare infoSASSO, l’ufficio di informazioni turistiche del Comune di Sasso Marconi, tel. 051 6758409 – info@infosasso.it

Articolo precedenteSicurezza stradale, presentato oggi il Piano integrato metropolitano-PIMES
Articolo successivoParchi: i Gessi e le grotte dell’Appennino emiliano-romagnolo patrimonio mondiale dell’Umanità