“È per dire grazie a chi ti ha assistito nei giorni più difficili, con una delicatezza e una umanità straordinaria. È per sostenere e incoraggiare chi continua a studiare e ricercare soluzioni che possano restituire quella speranza che ancora oggi sfugge. Ma è anche per rinnovare un messaggio di fiducia verso chi quotidianamente si confronta con la malattia e i suoi problemi”.

Così Andrea Melioli, docente universitario, che nel 2017 ha subito 2 trapianti di midollo a causa di un mieloma, racconta di una nuova collaborazione con la Fondazione GRADE Onlus.

“Con gli amici di GRADE cerchiamo sempre nuove idee per sostenere le attività della fondazione, con la convinzione che la capacità di fare iniziative e di diffondere il messaggio sia strategica per la crescita della Fondazione e del suo ruolo all’interno della comunità reggiana. Quando mi è stato raccontato che il reparto di Bassa Carica Microbica sarebbe stato ristrutturato per accogliere 6 nuovi posti letto, è stato naturale aderire a questa iniziativa”.

Già sostenitore di Grade no Limits con una donazione da 10.000 euro nel 2019, il professor Melioli nel 2022 ha portato la Fondazione all’università e, con un gruppo di studenti del corso Marketing Management Camp, si è impegnato a sviluppare una strategia per la crescita delle donazioni attraverso il 5×1000.

Proprio a seguito di una proposta nata da questo progetto universitario, Melioli utilizza un banner di GRADE sui propri social e strumenti di comunicazione professionali per fare networking, sviluppando la notorietà della Fondazione, promuovendo in questo modo le donazioni del 5×1000.

E ancora, il docente ha scelto di devolvere a GRADE l’assegno per la docenza presso il dipartimento di Comunicazione ed Economia di Unimore, per ulteriori 2.300 euro.

“Siamo profondamente grati al professor Melioli – afferma la Direttrice operativa della Fondazione, Valeria Alberti – perché da anni ci sostiene con grande costanza e impegno, non solo attraverso semplici donazioni, ma facendo anche del GRADE letteralmente un “caso scuola” che condivide con gli studenti di marketing, puntando ad aumentare la visibilità delle nostre attività e i nostri progetti”.

www.grade.it

Articolo precedenteLa Provincia di Reggio Emilia cerca due tecnici
Articolo successivo“Conversazione su Mirella”, sabato al Ridotto del Teatro Comunale di Modena