Dopo la Val di Zena, la Ciclovia del Sole e il giro dei Tre Laghi dell’Appennino bolognese, si chiude a Imola, domenica 24 settembre, il calendario 2023 delle domeniche ciclabili alla riscoperta del territorio su strade chiuse al traffico, promosse dal Territorio Turistico Bologna-Modena e organizzate dalla Polisportiva Circolo Dozza.

Un ultimo appuntamento che ha il sapore delle occasioni speciali, dal momento che sarà l’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” ad aprire le porte ai ciclo-amatori provenienti da tutto il territorio metropolitano, per una prima parte di percorso che si snoderà proprio tra le tra mitiche curve del circuito imolese. Una volta usciti dall’autodromo i partecipanti risaliranno la valle del Santerno su via Codrignano per poi fare rientro all’altezza della curva Tosa lungo la Ciclovia del Santerno.

Il percorso di 21 chilometri, chiuso al traffico motorizzato come di consueto per queste iniziative, non presenta particolari dislivelli e dunque è ideale per famiglie con bambini e ciclisti amatoriali.

In particolare lungo la strada provinciale SP 14 “Valsanterno”, nel territorio dei comuni di Imola e Borgo Tossignano, dal km 0+000 (nei pressi della rotatoria all’ingresso del circuito di Imola di via J.F. Kennedy) al km 6+437 (centro abitato di Codrignano) sarà istituito divieto di transito per tutti i veicoli a motore, eccetto autorizzati e velocipedi, dalle ore 10 alle ore 11. Saranno autorizzati al transito i mezzi di soccorso, i mezzi militari e delle forze di polizia (art. 12 C.d.S.), i mezzi utilizzati da enti proprietari delle strade per motivi di servizio e i mezzi a servizio della manifestazione in oggetto. In ogni caso, i mezzi autorizzati dovranno transitare “a passo d’uomo”, dando la precedenza a pedoni e biciclette.

Il ritrovo è per le 9.30 all’Autodromo di Imola, mentre per chi parte da Bologna gli organizzatori consigliano di prendere il treno 3907 (con posto bici) delle ore 08:34 con arrivo previsto a Imola alle 08:54.

Qui per informazioni, orari e iscrizioni gratuite

“Ancora una volta – affermano Mattia Santori e Simona Larghetti, rispettivamente presidente del Territorio Turistico Bologna-Modena e consigliera metropolitana delegata alla Mobilità ciclistica – con queste iniziative puntiamo a un duplice obiettivo: da un parte la riscoperta in chiave sostenibile del territorio metropolitano attraverso la rete della Bicipolitana, dall’altra l’esigenza di sempre maggiore sicurezza e rispetto per le persone che usano la bicicletta, che insieme ai pedoni sono i fruitori più fragili delle nostre strade”.

Un obiettivo condiviso anche dall’Amministrazione comunale di Imola, che per voce delle assessore al turismo e all’ambiente, Elena Penazzi e Elisa Spada, esprime soddisfazione per il primo bike day metropolitano nell’area imolese: “Nell’ambito dell’evento Imola Green, la tre giorni dedicata alla mobilità sostenibile in programma dal 22 al 24 settembre in Autodromo, si inserisce perfettamente la tappa delle domeniche ciclabili, alla scoperta del nostro circuito, circondato dal verde del Parco delle Acque Minerali, ma anche una parte del percorso dei mondiali di ciclismo e per finire la Ciclovia del Santerno.”

Articolo precedenteTrasporto scolastico, dalla Regione un contributo di oltre due milioni di euro ai Comuni
Articolo successivoVenerdì 22 settembre attivazione della Guardia Medica Straordinaria a Reggio, Puianello e Castelnovo Sotto