Da qualche giorno risultano chiamate telefoniche da parte di impostori che chiedono a ignari cittadini, in prevalenza anziani, denaro per pagare costose terapie. Nelle telefonate, spesso rivolte a dei nonni, i truffatori alterano la voce fingendo di essere nipoti disperati, feriti, bisognosi di soldi in contanti per pagare cure costose da effettuarsi al Pronto Soccorso o in altro reparto.

L’Ausl invita i cittadini a diffidare. Nessun pagamento dovuto per accesso al PS o per medicinali viene richiesto fuori dai canali ufficiali. Per informazioni ulteriori i cittadini possono sempre fare riferimento agli Uffici Relazioni con il Pubblico: https://www.ausl.re.it/urp

Articolo precedenteMigranti, Conte a Lampedusa “No a hotspot e centri di detenzione”
Articolo successivoCastelvetro, nel weekend continua la Sagra dell’Uva