Si è rinnovata anche quest’anno “Viaggio tra i rischi”, l’iniziativa di Protezione Civile organizzata a rotazione nelle scuole secondarie di primo grado del territorio nell’ambito del Settembre formiginese. L’evento quest’anno ha interessato la scuola media Fiori di Casinalbo coinvolgendo le associazioni di volontari che fanno parte del Sistema comunale di Protezione civile (tra cui il Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile, il Gruppo Alpini di Formigine, i Volontari della Sicurezza e le Guardie Ecologiche Volontarie), l’Unità Cinofila, i Vigili del fuoco e Avap Formigine.

La prima parte della mattinata si è svolta all’interno della struttura scolastica con una simulazione: dopo l’attivazione dell’allarme antincendio, gli alunni sono stati fatti evacuare. In seguito all’appello delle professoresse due studenti sono risultati mancanti, attivando prima i Vigili del fuoco e poi unità cinofile e Avap per, rispettivamente, la ricerca dei dispersi e la verifica delle loro condizioni fisiche. Al termine della simulazione gli studenti ancora riuniti negli spazi esterni selezionati dal piano di evacuazione hanno assistito agli interventi degli operatori che hanno spiegato loro l’importanza del lavoro della Protezione Civile in caso di calamità naturali come incendi, frane o terremoti.

Nella seconda parte della giornata, tre classi seconde selezionate dalla scuola si sono spostate in via San Francesco, dove era stata precedentemente allestita un’area con strutture e mezzi di Protezione Civile (tenda pneumatica e veicolo AIB Anti Incendio Boschivo). In centro, i ragazzi hanno vissuto un’esperienza divisa in tre step: didattico, con informazioni sui servizi e sul ruolo della Protezione Civile e le norme di base di autoprotezione in caso di eventi calamitosi, oltre a informazioni di assistenza sanitaria e di primo soccorso, illustrazione allestimenti e dotazioni ambulanza da parte di Avap; attività pratica di spegnimento incendi con l’assistenza degli operatori che hanno fatto provare agli studenti le lance antincendio con getto d’acqua da indirizzare su un bersaglio e, infine, dimostrazioni con unità cinofile per la ricerca di un finto disperso.

“Un’iniziativa importantissima – dichiara il Sindaco Maria Costi – che ci permette non solo di informare i ragazzi sulle preziosissime attività della Protezione Civile, ma di riflesso anche i loro genitori a cui racconteranno questa esperienza e le persone passate in centro storico durante spiegazioni e simulazioni. La Protezione Civile ci aiuta nella previsione e prevenzione dei rischi, nel soccorso, nel contrasto e nel superamento delle emergenze: è nostro compito informare i cittadini su questi servizi e su come muoversi in prima persona per proteggersi in caso di situazioni difficili”.

Articolo precedenteIl tasso di deterioramento del credito all’1,2%, minimo storico dal 2006
Articolo successivoMinacciano un ragazzino per farsi consegnare 30 euro: due studenti denunciati in provincia di Bologna