Con più di 730 servizi l’anno, 41 anni di attività alle spalle e un nuovo investimento di 280mila euro per allargare la propria struttura, la Pubblica Assistenza di Zocca ODV si conferma un punto di riferimento nell’assistenza alla popolazione dell’Appennino.

Il 30 settembre si è svolta l’inaugurazione della nuova struttura alla presenza di: Dante Gruppioni, Presidente della Pubblica Assistenza di Zocca ODV, il Sindaco di Zocca Federico Ropa, Anna Maria Petrini, Direttrice Generale dell’Azienda USL di Modena e Federica Casoni, Direttrice del Distretto di Vignola.

150 metri quadrati che ospiteranno 3 ambulanze e due macchine per i servizi secondari. Un progetto nato per preservare al meglio le vetture e consentirne una totale sanificazione dei mezzi al coperto da intemperie e fenomeni atmosferici.

La necessità di allargarci era forte già da molti anni- sottolinea Dante Gruppioni, Presidente della Pubblica Assistenza di Zocca ODV-. Tuttavia, è stato proprio durante il momento più critico della pandemia da Covid19, quando la sanificazione dei mezzi meticolosa e la tempestività degli interventi si sono rivelati cruciali per poter salvare delle vite, che abbiamo avviato il progetto, autofinanziandoci”.

Il Sindaco di Zocca Federico Ropa aggiunge: “La Pubblica Assistenza per noi è un vanto e un’inaugurazione come quella di oggi rispecchia l’importanza di investire nella sanità territoriale per garantire interventi rapidi e precisi sia per le nostre cittadine e i nostri cittadini, che per i numerosi turisti che negli ultimi anni sempre più spesso scelgono l’Appennino per le vacanze”.

Concluso questo progetto, ora si guarda al futuro e i prossimi obiettivi della Pubblica Assistenza di Zocca ODV puntano alla riqualificazione sostenibile delle strutture e al reclutamento di nuovi volontari cominciato già con la campagna cittadina di affissioni che riprende lo storico slogan “We want you”.

I nostri volontari hanno un’età che spazia dai 20 agli 80 anni, ma abbiamo bisogno di nuove persone pronte a mettersi in gioco – continua Dante Gruppioni-. Giovani, e meno giovani, che hanno voglia di dedicare parte del loro tempo per aiutare chi ne ha più bisogno”.

Articolo precedenteRiprende la distribuzione gratuita delle piante grazie al piano della Regione “Mettiamo radici per il futuro”
Articolo successivoShow Lautaro e l’Inter decolla, poker alla Salernitana