Condividere un progetto di trasporti e logistica con l’obiettivo di risolvere le problematiche di traffico che riguardano la viabilità del comparto scolastico di via Nievo a Sassuolo. E’ quanto hanno presentato martedì 7 novembre in Provincia gli studenti della classe 5L dell’istituto superiore Alessandro Volta di Sassuolo, accompagnati dai professori dell’indirizzo di Trasporti e logistica, alla presenza dei tecnici della viabilità ed edilizia della Provincia di Modena.

Gli studenti hanno illustrato le analisi dei flussi di traffico elaborate da loro e una proposta progettuale che possa migliorare la situazione dei trasporti nel distretto scolastico, con soluzioni originali e innovative.

Per i tecnici della Provincia «gli studenti hanno svolto un lavoro encomiabile, con grande attenzione nel capire quali dinamiche e quali vincoli – sia tecnici sia economici – intervengano nella realizzazione di un progetto viabilistico, avviando una discussione operativa che ha dimostrato la maturità tecnica e professionale che  raggiunta nel corso dei cinque anni di studi».

Ampia soddisfazione è stata dimostrata dai tecnici della Provincia, che hanno ringraziato, oltre agli studenti, anche i professori «per aver svolto un’attività che non è semplicemente a scopo didattico, ma che darà un prezioso contributo per il miglioramento della qualità di quanti ogni giorno vivono il polo scolastico».

A questo primo incontro ne seguiranno altri, sulla base delle indicazioni che i tecnici della Provincia hanno fornito alla classe, così da fornire loro il quadro completo degli aspetti normativi e di vincolo che riguardano la zona interessata.

Il polo scolastico di via Nievo a Sassuolo attualmente ospita gli istituti superiori Volta don Magnani e Formiggini, con un numero di studenti complessivo di oltre 4mila ragazzi, a cui si aggiungeranno altri 700 studenti dal prossimo settembre, in concomitanza della fine dei lavori di ampliamento della sede dell’istituto Formiggini.

Articolo precedenteNassiriya, domenica a Maranello ricordo dei caduti a vent’anni dalla strage
Articolo successivoCadelbosco Sopra: la danza a L’Altro Teatro racconta i rapporti umani con “Simbiosi”