Sono partiti oggi lunedì 13 novembre i lavori di realizzazione della nuova palestra nell’area del polo scolastico Leonardo, a Modena, che ospita gli istituti superiori Corni e Selmi, con l’obiettivo di rispondere alle esigenze didattiche crescenti degli studenti modenesi.

La nuova palestra del Corni – Selmi, che ha un importo complessivo di tre milioni 200mila euro, di cui due milioni 700mila euro finanziati con fondi Pnrr, potrà essere utilizzata contemporaneamente dai due istituti scolastici, e prevede due campi da gioco da 450 metri quadrati ciascuno, suddivisibili con tendone movimentabile. Inoltre l’edificio, che avrà una superficie complessiva di 1.350 metri quadrati, sarà dotato di spogliatoi indipendenti per le classi dei due istituti, da uno spogliatoio per i docenti, oltre all’infermeria e una tribuna per il pubblico.

Gli impianti di riscaldamento e raffrescamento saranno realizzati tenendo conto dell’efficientamento energetico degli edifici, grazie a pannelli fotovoltaici che permetteranno di coprire gran parte del fabbisogno energetico.

La palestra sarà realizzata in adiacenza al plesso scolastico e sarà collegata al campus con un percorso rettilineo ciclopedonale e sarà realizzata una pensilina coperta per garantire una maggiore protezione degli studenti dagli agenti atmosferici.

I lavori dovranno essere completati entro i primi mesi del 2026 e non comporteranno interruzioni dell’attività didattica, poiché saranno realizzati in una zona non adiacente alle aule dei due istituti.

Attualmente l’Istituto di Istruzione Superiore “Selmi” con indirizzo liceo linguistico e tecnico biologico conta a 1826 studenti per 75 classi mentre la sede distaccata dell’Istituto di Istruzione Superiore “Corni” ospita 2076 studenti per 87 classi, e le due palestre esistenti non garantiscono la copertura del calendario scolastico settimanale, oltre a quello extrascolastico utilizzato da associazioni sportive al pomeriggio e alla sera.

Articolo precedenteReggio Emilia, ruba in un centro commerciale mentre si trova agli arresti domiciliari: denunciata
Articolo successivoModena, un questionario per migliorare il servizio dello Sportello unico delle attività produttive