Vengono collocati in questi giorni, nei luoghi annunciati, i tre nuovi defibrillatori regalati di recente alla città da altrettanti donatori: dopo Cortile (di fronte al dispensario farmaceutico), è la volta di quello sotto il portico di piazza dei Martiri (lato via Berengario, nel vano bancomat) e di quello in piazza Garibaldi n. 18, per un Centro storico più “sicuro” anche sul fronte sanitario.

I tre “DAE” (“Defibrillatore Automatico Esterno”) di nuovissima generazione, si aggiungono così alla rete territoriale di apparecchi salvavita portando a 12 i dispositivi presenti in città: l’ultimo era stato consegnato in Municipio nel luglio scorso, alla firma di un protocollo d’intesa fra Comune, Ausl, CRI e associazione “Gli Amici del Cuore” di Modena per la gestione. I tre donatori sono il Comitato di Carpi della Cri, il Rotary Club e la famiglia Eros Degli Innocenti (gestori di giostre).

Sottolinea Tamara Calzolari, assessora a Sanità e associazionismo: « Dopo l’istallazione a Cortile tre settimane fa, in questi giorni aumentiamo il presidio del Centro storico, in cui c’è una forte presenza di cittadini potenzialmente esposti al rischio di attacco cardiaco. Ringrazio di nuovo i donatori e le associazioni di volontariato che ci aiuteranno a monitorare i nuovi apparecchi, e a svolgere la formazione di nuovi cittadini all’utilizzo dei defibrillatori per ampliare la rete del pronto intervento».

Articolo precedenteSupporto alle vittime di reato: a Modena, una due giorni dedicata allo sviluppo dei Servizi locali
Articolo successivoMattarella “Servono misure a sostegno della montagna”