Prevenzione, diagnosi, presa in carico e supporto. Sono le fondamenta del Percorso Epilessia della Regione Emilia-Romagna, che coordina su tutto il territorio, da Piacenza a Rimini, una rete integrata di intervento finalizzata all’assistenza delle persone con epilessia.

In occasione della giornata internazionale dell’epilessia che si celebra in tutto il mondo martedì 13 febbraio e vede impegnato il servizio sanitario regionale e le associazioni dei pazienti con iniziative di sensibilizzazione, la Regione ribadisce proprio impegno per continuare a garantire e migliorare ulteriormente cure e supporto ai pazienti e alle loro famiglie, promuovendo al tempo stesso la consapevolezza su questa patologia, che nel mondo – secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul 2019 – colpisce circa 50 milioni di persone di tutte le età.

“L’Emilia-Romagna è stata tra le prime Regioni in Italia a dotarsi di una rete integrata in modo omogeneo su tutto il territorio per i servizi di assistenza alle persone con epilessia – ricorda l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. Una rete in continua evoluzione, che si occupa di garantire ai pazienti cure efficaci e assistenza socio-sanitaria, di supportarli verso il raggiungimento di obiettivi personali e professionali e, non meno importante, di contrastare con una corretta informazione i fenomeni di discriminazione che, purtroppo, a volte le persone con questa patologia devono affrontare. La giornata internazionale del 13 febbraio- chiude Donini- ci aiuta a mantenere alta l’attenzione sull’epilessia e a continuare a lavorare su prevenzione, presa in carico e supporto a pazienti, familiari e caregiver”.

La rete di assistenza del Percorso Epilessia in Emilia-Romagna 

La Regione Emilia-Romagna dal 2010 ha deciso di dotarsi di un Percorso Epilessia per la gestione integrata e omogenea dei servizi di assistenza già garantiti alle persone con epilessia.

Le linee di indirizzo assicurano interventi di prevenzione, il percorso diagnostico-terapeutico con la presa in carico della persona e la continuità dell’assistenza socio-sanitaria, sia tra le strutture del territorio e gli ospedali, sia nell’elaborazione del programma individuale, in particolare per l’inserimento a scuola o nel mondo del lavoro e per le attività di riabilitazione. Le Aziende sanitarie sviluppano, inoltre, iniziative di formazione dirette a operatori e famiglie e finalizzate a molteplici obiettivi: supporto individuale dei pazienti dal punto di vista emotivo relazionale, gestione quotidiana della patologia e degli aspetti amministrativi quali il riconoscimento della disabilità, l’esenzione ticket e la patente automobilistica.

Nel 2017 la Regione ha costituito un gruppo di coordinamento, monitoraggio e consulenza scientifica sul Percorso Epilessia, denominato Gruppo di lavoro Epilessia, con l’obiettivo di promuovere la ricerca, aggiornare le linee di indirizzo regionali, ridefinire la rete regionale della chirurgia dell’epilessia e promuovere iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza.

Articolo precedenteCastelfranco Emilia: occupano abusivamente una villa. Denunciati dai Carabinieri
Articolo successivoMario Tozzi ad Albinea per il riconoscimento Unesco “Lungimirante e coraggioso chi lo ha voluto. E’ una garanzia di futuro per il vostro territorio”