Home Sassuolo Bretella Campogalliano-Sassuolo, si continua a vigilare

Bretella Campogalliano-Sassuolo, si continua a vigilare

“Un ulteriore passo avanti verso la realizzazione di un’infrastruttura che Sassuolo e tutto il distretto ceramico attendono da troppo tempo, un passo avanti che deve spingerci a proseguire nel ruolo di vigilanza affinché alle promesse succedano i fatti”.
In questo modo il Sindaco di Sassuolo, Graziano Pattuzzi, commenta l’approvazione da parte del Cipe del progetto preliminare della bretella autostradale Campogalliano – Sassuolo.


Nella deliberazione del Cipe viene indicato come limite di spesa la somma di euro 284.766.576,00 comprensiva del costo degli interventi di mitigazione ambientale e delle barriere antirumore; sempre il Cipe chiede al Ministero delle Infrastrutture di indicare, in occasione della sottoposizione del progetto definitivo, quali siano gli importi effettivamente disponibili per l’opera e se la copertura finanziaria residua , pari ad euro 74.052.576, sia prevista nel contratto di programma Anas 2003 – 2005.

“A questo punto – commenta il Sindaco – è indispensabile che gli enti locali coinvolti, Comune, Provincia e Regione, non abbassino al guardia. Quanto ottenuto fino ad ora rappresenta un passo importante, ma solo il primo verso la reale realizzazione della Bretella. Per questo dovremo vigilare affinché non intervengano nuovi intoppi burocratici o finanziari a rallentare nuovamente un iter che finalmente si è sbloccato.
In particolare – chiarisce il Sindaco di Sassuolo Graziano Pattuzzi – mi riferisco alla copertura finanziaria. La realizzazione dell’opera è in capo all’Anas che, però, nei giorni scorsi per bocca del Presidente Pozzi nel corso dell’inaugurazione della variante di Castelfranco, ha dichiarato di trovarsi a corto di liquidità e di confidare nel decreto contenuto nella nuova finanziaria per trovare una nuova boccata d’ossigeno, riuscendo ad essere portata fuori dal perimetro della pubblica amministrazione. Occorre vigilare – conclude il Sindaco di Sassuolo Graziano Pattuzzi – affinché quei soldi vengano trovati: attraverso l’Anas o procedendo verso la strada del Project Financing. Non importa come o da chi: quella strada deve essere realizzata nei tempi previsti”.