Home Reggio Emilia La Corte Ospitale presenta ‘SOS, Soldi Opera Strit’

La Corte Ospitale presenta ‘SOS, Soldi Opera Strit’

La stagione al Teatro Herberia continua l’11 novembre alle ore 21 con la presentazione della nuova produzione del centro teatrale La Corte Ospitale: SOS Soldi Opera Strit, liberamente ispirato all’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht, drammaturgia e regia di Eugenio Allegri.

Interpreti Eugenio Allegri, e con Fratelli Ochner (Alberto Barbi, Corrado Calcagno, Paolo La Torre, Lara Quaglia) e Bandaradàn (Maurizio Pala, Sergio Pejsachowicz), e con la partecipazione di Alberto Agliotti, Angelo Desideri, Davide Tilotta, Irene e Maria Zindato, musiche Kurt Weill.

L’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht, di cui proprio quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario della morte, rappresenta un mondo borderline di emarginati, imbroglioni e reietti del sistema pregni, però, di quell’umanità che deriva dalla sofferenza universale e dalla tensione al riscatto.
Attraverso un linguaggio creativo nel quale drammaturgia e coreografia s’intersecano in un sistema ritmico perfetto, la caratterizzazione dei personaggi viene resa attraverso tecniche circensi e di strada: la figura di Jenny, prostituta innamorata di Macheath detto Macki Messer, si contraddistingue per i continui numeri di trapezio e trasformismo mentre i banditi e i mendicanti si destreggiano con abili numeri di prestigio, come quello dei ‘bussolotti’ messi in atto dallo stesso Macheath.

Le musiche, rigorosamente eseguite dal vivo, sono affidate alla Bandaradàn che è abile nel caratterizzare, evidenziare e personalizzare le situazioni e i personaggi dell’opera.
Determinante l’interazione degli attori con il pubblico che crea momenti in cui lo stesso spettatore diviene parte attiva e ‘personaggio’ dello spazio scenico-circense.

Un pubblico che si divide in borghesi e nuovi prototipi della miseria, specchio del passato e futuro contrasto tra ricchezza e povertà.

Coesistono in scena la tecnica dei cantastorie e la commedia dell’arte: una scelta in grado di esaltare la leggerezza e sostenere quel ritmo che il teatro popolare richiede a garanzia della propria qualità. Lo spettacolo diviene così un luogo affollato di personaggi teatralmente vivi: intreccia linguaggi diversi ma in linea con uno stile poetico che, dall’arte del clown, passando attraverso i giullari del teatro di strada, giunge a consolidare nuove sperimentazioni tecniche e artistiche e attualizza un’opera classica facendo convivere acrobazia, giocoleria, musica, danza e interpretazione.
Il tutto affidato alla guida e alla presenza in scena di Eugenio Allegri.

Il costo del biglietto intero è di 14 euro, ridotto per i soci Arci e i soci Coop 12 euro. 8 euro per gli studenti universitari di Modena e Reggio Emilia. Abbonamento nominale a 5 titoli 55 euro; abbonamento a 9 titoli 90 euro.
I biglietti e gli abbonamenti si acquistano in prevendita. E’ possibile effettuare prenotazioni telefoniche al numero 0522 621133 tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13, oppure oppure via e-mail.