Home Ambiente A Cervarezza ‘Nella mente del lupo’

A Cervarezza ‘Nella mente del lupo’

Nella mente del lupo‘, una settimana di scienza, natura, arte e cultura interamente dedicata al predatore che da qualche anno è tornato a popolare i boschi dell’Appennino. L’evento che si tiene da oggi a sabato 16 giugno a Cervarezza Terme, località dell’Appennino reggiano, è organizzato dal Parco Nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, in collaborazione con il Comune di Busana e i Musei Civici di Reggio Emilia.

Densissimo il programma della manifestazione che prevede un seminario scientifico con i più importanti studiosi italiani di conservazione faunistica, incontri con personaggi di spicco del mondo della cultura e dello spettacolo, proiezioni di film e documentari sul tema dell’ambiente e della fauna selvatica, ma anche serate di intrattenimento con spettacoli, animazioni, letture pubbliche, gastronomia, mostre e giochi per bambini.

“L’obbiettivo della manifestazione è quello di promuovere una corretta informazione e sensibilizzazione sul ritorno del lupo nell’Appennino settentrionale. L’evento ha una duplice dimensione – sottolinea Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano – la prima è didattico-scientifica; il seminario a numero chiuso servirà per fare il punto sull’attività di ricerca portata avanti in questi anni nelle aree protette italiane in tema di conservazione del lupo. Vogliamo formare personale altamente specializzato nell’ambito della conservazione ambientale e faunistica e nella gestione delle risorse naturali. Il seminario è anche un’occasione per creare un coordinamento tra i Parchi nazionali che si occupano di questo tema nella prospettiva di realizzare una rete ecologica nazionale ed europea. La seconda dimensione della manifestazione è invece rivolta ad un pubblico più ampio ed è quella più legata alla cultura e allo spettacolo in un’ottica di promozione e sviluppo turistico fondato sulla naturalità del territorio. Il lupo infatti rappresenta una risorsa anche dal punto di vista economico e può creare occasioni di turismo naturalistico e consapevole. Vogliamo quindi contribuire alla conservazione del lupo come parte integrante degli ecosistemi dell’Appennino ma anche come nuova occasione di socialità per la popolazione locale”.

Seminario scientifico
Il seminario di studi a numero chiuso sulla conservazione del lupo, organizzato in collaborazione con l’Università la Sapienza di Roma, è tenuto da esperti di livello nazionale ed è rivolto a tutti coloro che a diverso titolo operano nell’ambito della conservazione della natura: tecnici del settore ambientale ed agricolo, personale di enti pubblici come Parchi nazionali e regionali, Riserve, Province ed altre amministrazioni locali, tecnici di enti privati, associazioni di volontariato impegnate nella salvaguardia dell’ambiente. I temi che saranno affrontati nelle sei sessioni del seminario sono quelli della conservazione, della ricerca scientifica, della gestione del conflitto con l’uomo, della cultura popolare e degli aspetti sanitari. Saranno messe a confronto le esperienze di monitoraggio e ricerca sul lupo realizzate nelle aree protette di Emilia-Romagna, Abruzzo, Lazio, Molise, Toscana e Piemonte. Il seminario si terrà tutti i giorni, dalle 9 alle 17, nel Centro Polifunzionale “Teresa Correggi Romei di Cervarezza” (Centro del Lupo).
Eventi serali
Oltre alle attività didattiche-scientifiche la Settimana de Lupo, come recita il titolo dell’evento, prevede un fitto calendario di iniziative dedicate a natura, arte e cultura che si svolgeranno tutte le sere a partire dalle ore 21. Si comincia lunedì 11 giugno quando in piazza I Maggio, il direttore generale del Touring Club Italia, Guido Venturini, incontrerà gli operatori e amministratori del territorio. Si parlerà di turismo e parchi nazionali e verrà presentato il progetto “ECO” che promuove nelle province di Parma e Piacenza un modello competitivo di turismo di qualità basato sulla sostenibilità ambientale. Martedì 12 giugno, nella Chiesa di San Matteo, Giovanni Lindo Ferretti leggerà versi de “Il Cantico delle Creature”. La musica di accompagnamento di Giovanni Mareggini renderà ancora più suggestivo il reading dell’ex leader dei Cccp. Mercoledì 13 giugno la magnificenza della natura vivrà nelle immagini del video-documentario “Lupi clandestini”, realizzato da Luigi Cammarota regista e collaboratore della trasmissione televisiva “Geo&Geo”. Il filmato sarà presentato da Fulco Pratesi, presidente del WWF Italia che nel pomeriggio concluderà la seconda sessione del seminario con una relazione sulla conservazione dei Grandi Carnivori in Italia e in Europa. Giovedì 14 giugno, sempre in piazza I Maggio, un’altra grande proiezione, quella del documentario “Una scomoda verità” vincitore del Premio Oscar 2007, incentrato sulle campagne ecologiste di Al Gore. Infine, venerdì 15 giugno, presentazione del nuovo libro e dvd sul Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano prodotto e curato dal ministero dell’Ambiente. A seguire “Degustazione dei prodotti tipici delle terre del Parco” e “Il lupo nel cinema” a cura di Vertigo Movie Art.
Spettacoli, animazioni per bambini e visite guidate in carrozza
Per tutta la durata della manifestazione sarà possibile visitare la mostra “Il lupo e gli animali del Parco Nazionale dell’Appennino tosco-emiliano” realizzata in collaborazione con i Musei Civici di Reggio Emilia e allestita nel Centro Polifunzionale “Teresa Correggi Romei di Cervarezza” (Centro del Lupo). In piazza I Maggio saranno consultabili gli oltre 200 volumi della “Biblioteca del Lupo e degli animali”. Nel pomeriggio i bambini potranno partecipare a diverse attività ludiche-educative, tra cui proiezioni di dvd, laboratori, giochi e animazioni varie. Ci sarà anche la possibilità di effettuare visite guidate nel Parco a bordo di carrozze trainate da una pariglia di cavalli al ritmo lento dei viaggi di una volta. Infine, tutte le sere in Piazza I Maggio dalle ore 18 sarà in funzione il Piano Bar e si potranno degustare menù a base di prodotti tipici.