Home Attualita' Solidarietà dell’amministrazione comunale di Carpi ai Vigili del Fuoco

Solidarietà dell’amministrazione comunale di Carpi ai Vigili del Fuoco

vigilidelfuoco“Il tragico incendio avvenuto mercoledì scorso in via Palladio, del quale sono rimaste vittime madre e figlioletta, pur nel dolore e sconforto che ha suscitato, ha messo in evidenza la grave situazione nella quale versa il distaccamento dei Vigili del fuoco della nostra città”.“Infatti, a causa del contemporaneo impegno della squadra di Carpi su un altro intervento, i pompieri sono dovuti arrivare in via Palladio da Modena, in circa 20 minuti, come riferito da loro stessi.

Nel ringraziare della solerzia e dell’impegno i Vigili del Fuoco, tenendo conto delle forze impiegate e dei mezzi disponibili, va sottolineato che l’intervento è stato comunque effettuato all’interno dei parametri di efficienza del servizio. Purtroppo a Carpi, con un parco automezzi vecchio di molti anni (quasi 20!), sono rimasti operativi solo 7 addetti dei 12 di quelli presenti in pianta organica necessari e mai reintegrati al servizio. Il tutto per un bacino di utenza che non è solo quello carpigiano ma raggiunge un comprensorio di 170 mila persone in totale, comprendendo anche la bassa reggiana.

Fino a quando l’impegno e l’abnegazione dei Vigili dei fuoco profusa in un servizio prioritario per la cittadinanza, pari solo per importanza al soccorso sanitario-ospedaliero, riuscirà a sopperire ai tagli di mezzi, uomini e salari operati dai vertici del Governo, più attento alla propaganda sulla sicurezza che a concrete soluzioni? Anche i Vigili del fuoco saranno costretti in futuro ad accettare a Carpi donazioni di mezzi come avviene già per le organizzazioni socio-sanitarie? L’amministrazione comunale carpigiana di fronte all’evidenza dell’episodio accaduto e del servizio ben svolto finora dai pompieri, pur in condizioni così carenti di organico e mezzi, non può che sostenere le rivendicazioni della delegazione modenese e regionale dei Vigili del fuoco, che parteciperà alla manifestazione nazionale indetta a Roma dai sindacati confederali davanti a Montecitorio giovedì 2 luglio”.