Home Economia Nel Modenese sempre più richiesti i prodotti del risparmio postale

Nel Modenese sempre più richiesti i prodotti del risparmio postale

MettingMPfilialeModenaIl risparmio postale resta un punto di riferimento per le famiglie anche in un periodo di crisi ed incertezza economica come quello attuale. Le analisi sulle prospettive a breve e medio termine per il 2013 confermano il crescente apprezzamento dei prodotti di risparmio postale, in particolare i Buoni Fruttiferi e i Libretti Nominativi. A certificare il trend del risparmio anche in questa fase di austerity sono i dati del 2012 della Filiale di Modena che riportano un aumento di circa il 47% di Buoni Postali sottoscritti dai risparmiatori nel secondo semestre dello scorso anno rispetto a quello precedente.

«Il successo dei Buoni Postali nella nostra provincia – spiega la responsabile provinciale Patrizia Zagnoli – è dovuto alla certezza di una forma di risparmio garantita dallo Stato italiano. I Buoni sono considerati un “porto sicuro”: prevedono sempre la restituzione del capitale investito e la corresponsione degli interessi maturati. Inoltre, possono essere sottoscritti e rimborsati in tutti gli uffici postali, senza alcuna commissione o spesa, eccetto quelle di natura fiscale».

Intanto si pensa ad accantonare anche per i figli. Infatti, sono sempre di più i genitori del Modenese che scelgono forme di risparmio dedicate ai minori che consentano loro, al compimento della maggiore età, di poter disporre di una somma per realizzare un desiderio o per poter studiare: il quarto trimestre del 2012 vede infatti una crescita del 42%, dei Buoni Postali “Dedicati ai Minori” rispetto al periodo al precendente.

Destinati in via esclusiva ai bambini da 0 a 16 anni, I Buoni per i minori restituiscono sempre il 100% del capitale investito e gli interessi che maturano fino al compimento del 18° anno di età. Possono essere rimborsati anticipatamente, previa autorizzazione del Giudice Tutelare, con diritto alla restituzione del capitale investito e, trascorsi 18 mesi, al riconoscimento degli interessi maturati.