Home Modena Sottoscritto protocollo d’intesa tra Prefettura e Unimore

Sottoscritto protocollo d’intesa tra Prefettura e Unimore

Mercoledì 18 dicembre scorso è giunto a formalizzazione, attraverso la sottoscrizione di un apposito protocollo di intesa, l’ormai consolidato legame tra la Prefettura e il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

In precedenti occasioni di interazione e cooperazione era stato condiviso il valore primario per il territorio di una politica sistematica di collaborazione tra il mondo accademico, le istituzioni pubbliche e l’impresa privata.

Presso il Dipartimento opera un Comitato di indirizzo a supporto ai processi di gestione dipartimentale e per la valutazione dei corsi di laurea (triennale e magistrale) e con funzioni di consultazione periodica di istituzioni interessate ai medesimi corsi, organismo in seno al quale è presente un rappresentante della Prefettura.

Il Dipartimento di Giurisprudenza e la Prefettura hanno ritenuto dare ora una veste formale al rapporto di collaborazione già in essere, con l’intento di continuare e sviluppare ulteriormente forme di reciproca collaborazione e comune impegno in vari settori a livello locale, favorendo la crescita culturale, etica e civile del territorio, sostenendo la diffusione di buone pratiche sui temi dell’inclusione sociale, della convivenza civile, dell’educazione civica e del rispetto della legalità e dispongono, in modi e misure differenti, di competenze, risorse, strumenti di analisi e intervento che possono in parte condividere e mettere in rete.

Con l’intesa siglata dal Prefetto e dal Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza si assume il reciproco impegno ad avvalersi in modo concordato delle rispettive competenze tecnico-giuridiche e scientifiche per sviluppare e realizzare tavoli di confronto, iniziative congiunte nel campo dell’istruzione e della ricerca, programmi di documentazione, di studio e di ricerca integrata negli ambiti di comune interesse, con particolare riferimento ai profili della legalità, della promozione dei valori della convivenza civile, dell’inclusione sociale.