Home Publiredazionali pubbliredazionali bologna Come funziona il Trading sociale

Come funziona il Trading sociale

Come funziona il Trading sociale

Le piattaforme di social trading come eToro, dove gli utenti possono copiare gli scambi degli esperti, fanno pubblicità in modo piuttosto aggressivo da tempo, promettendo la possibilità di arricchirsi facilmente nel trading.qual è il vero affare?

eToro: Trading sociale
eToro, ad esempio, è un social network in cui tutto ruota intorno agli investimenti. Gli investitori privati possono creare un profilo e costruire un portafoglio di titoli. Altri possono poi vedere in quali azioni investono, se c’è oro o valute criptate nel portafoglio, e come si presenta il loro bilancio. I trader particolarmente popolari e di successo vedono in eToro un generatore di segnali. L’utente può rintracciare i segnalatori (social trader) e copiare le loro strategie di investimento. Poi acquista automaticamente esattamente ciò in cui il trader sta investendo. Questo si chiama “copy trading”.

Alcuni guadagnano, altri perdono molto In teoria, se si copiano gli investitori di successo, si può ottenere un buon rendimento senza troppi sforzi e imparare. I trader descrivono la loro strategia nei loro profili e spiegano le ragioni delle loro operazioni nelle relazioni. Gli altri utenti possono commentare questi messaggi. Le cifre dei trader più popolari sono allettanti: l’anno scorso avrebbero restituito il 17, 28 o addirittura il 36%. Nel lungo periodo, gli utenti non dovrebbero aspettarsi così tanto: l’indice borsistico “MSCI World” è cresciuto in media dell’8,4% all’anno dal 1975. E anche eToro segue una regola d’oro dei mercati finanziari: se si vuole più rendimento, bisogna correre più rischi. Nel mondo finanziario, questo significa la variazione percentuale di valore, la perdita e la probabilità di insolvenza dei singoli investimenti. eToro misura il rischio dei suoi generatori di segnale su una scala da 1 a 6, con il miglior rendimento generalmente superiore a quello del mondo MSCI.

eToro: i generatori di segnali ricevono una commissione
La ricompensa per il follow-up è una commissione di eToro: più i cosiddetti imitatori seguono la strategia, più soldi. Ma è una buona idea lasciare le decisioni di investimento a un estraneo? In un’intervista, il fondatore di eToro Yoni Assia fornisce argomentazioni a favore della sua piattaforma: “In Germania abbiamo già un milione di clienti. Questo ci rende uno dei migliori broker. Siamo un’azienda israeliana che è presente sul mercato da 12 anni e impiega 800 persone. Tra i nostri investitori vi sono anche importanti banche come Barclays e Commerzbank. Credo che questi siano buoni motivi per fidarsi”.

eToro: Investitori insoddisfatti
eToro offre un’ampia scelta di titoli: oltre alle azioni e ai fondi indicizzati quotati (ETF), è possibile investire anche in materie prime come il petrolio o l’oro, nonché in valute criptate. Gli utenti possono aggiungere interessanti titoli alla loro lista di vigilanza in modo da poter sempre tenere d’occhio i prezzi. eToro ha attualmente oltre dieci milioni di utenti in 140 paesi. Almeno nel mondo di lingua tedesca, non tutti sembrano essere soddisfatti. Sulla piattaforma “Trustpilot” ci sono oltre 1700 recensioni, alcune delle quali sono in tedesco. Nel complesso, quasi la metà di essi sono “insoddisfacenti”. I commenti suggeriscono che con eToro, non tutto è così facile come promettono gli spot televisivi. Ad esempio, alcuni utenti si lamentano delle tariffe non trasparenti. È possibile visualizzare i confronti tra le diverse offerte sul mercato e le recensioni dei consumatori, un esempio ha una pagina di recensione qui. Con eToro, questo dipende fortemente dal comportamento dell’utente. La tassa di inattività di 10 dollari al mese è relativamente alta. È dovuto se c’è del denaro sul conto eToro del commerciante, ma non ha effettuato il login per 12 mesi. Anche i prelievi sono relativamente costosi, con una tassa di 25 dollari, troppo alta per piccoli importi.

eToro: Certamente non per persone in difficoltà finanziarie
Ma soprattutto all’inizio, i principianti nell’investire dovrebbero prima investire tempo piuttosto che denaro e pratica. Per fare questo, eToro consente di creare un portafoglio virtuale nel quale l’utente può negoziare solo con denaro virtuale. Quando si crea il profilo, i futuri trader devono rispondere a molte domande.
Oltre all’indirizzo, al numero di telefono e al reddito, eToro vi chiede la vostra esperienza di investimento. Quante volte l’utente ha scambiato azioni o valuta criptata? Sa come funziona il trading con leva finanziaria? Che rischio vuole correre? Nel test pratico, un pop-up ha avvertito che “il trading di copie potrebbe non essere adatto a voi” nonostante l’esperienza di trading dichiarata. Allo stesso modo, nella sezione “Persone”, cliccando su un profilo, ad esempio, si ottiene il seguente messaggio: “Questo non è un consiglio di investimento. Il vostro capitale è esposto a rischi”.