Sportelli anagrafici in via Padova-Don Minzoni a Modena

Hanno iniziato l’attività i due nuovi sportelli anagrafici di via Padova (accessibili anche da via Don Minzoni), nel Quartiere 3 di Modena, che sono dedicati esclusivamente all’erogazione di Carte d’identità elettroniche (Cie) con l’obiettivo di contribuire a ridurre i tempi d’attesa per ottenere il documento. Nella stessa sede è entrato in funzione anche il primo punto di Modena Face to face, una postazione tecnologica che punta a rendere più vicini i servizi dell’Amministrazione ai cittadini consentendo un dialogo diretto, pur se a distanza, con gli operatori.

Il primo giorno dei due nuovi servizi è stato salutato dalle assessore ai Servizi Demografici e Smart city Ludovica Carla Ferrari, ai Quartieri Anna Maria Lucà Morandi, al Welfare Roberta Pinelli, insieme alla presidente del Quartiere 3 Maria Teresa Rubbiani e ai responsabili del servizio Anagrafe.

Il nuovo punto anagrafico, cui si accede dal parcheggio di via Padova, presenta due sportelli aperti dalle 8.45 alle 12.45 dal lunedì al venerdì e accessibili solo su prenotazione e va a integrare il servizio dell’Anagrafe di via Santi. L’avvio delle prenotazioni presso la sede decentrata (attualmente risultano fissati appuntamenti fino al 28 marzo) ha già consentito di ridurre i tempi di attesa all’Anagrafe centrale per ottenere il documento elettronico a circa due mesi. Anche grazie all’assunzione di nuovo personale, l’Amministrazione potrà erogare fino a circa mille Cie in più rispetto alle 3 mila attuali e ridurre le liste d’attesa per i rinnovi che si sono creati a causa delle complesse procedure per l’erogazione dei documenti elettronici e delle complicazioni derivanti dalla pandemia (difficoltà organizzative, lockdown con chiusura degli uffici, malattie, limitazioni dei flussi di pubblico). Dal 2017 a oggi, sono quasi 104 mila le Carte d’identità elettroniche erogate e l’Amministrazione comunale ha l’obiettivo di dotare tutti i modenesi di Cie entro il 2024.

Presso gli sportelli di via Padova-Don Minzoni vengono rilasciate solo carte di identità elettroniche ed il pagamento può avvenire esclusivamente mediante bancomat o carte di credito.  Il documento d’identità cartaceo, per i casi previsti dalla legge come i cittadini richiedenti asilo, i cittadini italiani iscritti all’Aire (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) e chi ha necessità della carta di identità per recarsi all’estero nei successivi sette giorni, può invece essere rilasciato esclusivamente dall’Anagrafe centrale di via Santi, dove vengono gestite anche le urgenze. In entrambe le sedi, per accedere occorre indossare la mascherina e fino al termine dello stato di emergenza sanitaria sarà obbligatorio esibire il green pass di base (adulti e bambini a partire dai 12 anni compiuti).

È possibile prenotare l’appuntamento attraverso gli stessi percorsi previsti per accedere all’Anagrafe in via Santi: online, telefonicamente (al numero 059 2032077, lunedì e giovedì dalle 9 alle 18; martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9 alle 13) o di persona (al Punto informativo di via Santi 40 o all’Ufficio relazioni con il pubblico di Piazza Grande 17 o tramite il punto Modena Face to face nella sede di via Padova-Don Minzoni). In particolare, è possibile fissare l’appuntamento online attraverso l’Agenda di prenotazione (dal sito www.comune.modena.it/servizi/anagrafe-e-stato-civile) muniti di codice fiscale e indirizzo di posta elettronica: una volta effettuata la prenotazione si riceve un promemoria con il numero per accedere direttamente allo sportello anagrafe in via Santi o in via Padova senza fare la fila, l’elenco dei documenti che sono richiesti, alcune informazioni utili e un codice di accesso (pin) che deve essere conservato per verificare o eventualmente annullare la prenotazione effettuata.

In via Padova-Don Minzoni, gli ambienti al piano terra dell’edificio sono stati rinnovati, adeguati alle nuove funzionalità e resi accessibili in modo agevole anche a persone con disabilità, attraverso un intervento di restyling del valore di 127 mila euro. Negli spazi rinnovati, oltre alle due postazioni anagrafiche e alla sala d’attesa dedicata, ha sede anche l’ufficio notifiche (della Polizia locale e altre), che si affianca a quello di via Scudari per alcune tipologie di notifiche, e un ufficio Quartieri.

Il nuovo punto Modena Face to face

ATTIVO IL PRIMO PUNTO MODENA FACE TO FACE

Consentirà di sentire l’Amministrazione più vicina e a portata di mano attraverso la possibilità di dialogare direttamente con il personale dell’Ufficio relazioni con il pubblico (Urp) e con operatori del punto d’ascolto “Informafamiglie”.

Il primo punto di Modena Face to Face, in funzione da oggi, martedì 1 marzo, presso l’Ufficio Quartieri in via Padova (con accesso anche da via Don Minzoni), è infatti un nuovo canale sperimentale che consente al cittadino di mettersi in video contatto diretto e interattivo con gli operatori degli uffici, per consentire di usufruire dei servizi offerti dal Comune. Il servizio è aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 13. L’amministrazione ha inoltre in programma di aprire nei prossimi mesi altri punti Face to Face in città e, soprattutto, nelle frazioni.

Attraverso il totem, in questa prima fase, è possibile dialogare con il personale dell’Urp per le prenotazioni dei Servizi demografici, le segnalazioni e le informazioni sugli altri servizi del Comune, oppure contattare gli operatori del Centro per le famiglie per informazioni in ambito educativo, scolastico, sanitario, economico, ricreativo e culturale: il servizio, rivolto alle famiglie con figli, dalla nascita fino all’adolescenza, potrà infatti fornire indicazioni pratiche sui contributi economici, per l’orientamento sui servizi presenti in città e per le consulenze di mediazione famigliare e di sostegno alla genitorialità.

Il nuovo canale risponde all’esigenza di offrire ai cittadini l’accesso ai servizi senza allontanarsi dal proprio quartiere, e si rivolge in particolare a chi ancora ha difficoltà a utilizzare in autonomia i servizi online. Per usufruire del servizio presso il punto Modena Face to face, basta cliccare e scoprire le opportunità offerte. Con due click si entra in video chiamata con gli operatori. Tutti i servizi sono usufruibili gratuitamente e in formato bilingue (italiano e inglese), compresa l’interfaccia del software, di semplice utilizzo.

Articolo precedente“No alla guerra” il Comune sostiene la manifestazione promossa da Mani Tese Finale Emilia
Articolo successivoClimate change, la paura della siccità ispira gli scrittori emergenti