La Guardia di Finanza, nell’ambito delle iniziative collegate al Motor Valley Fest 2022 in programma a Modena dal 26 al 29 maggio, è presente con autovetture d’epoca, messe a disposizione dal Museo storico del Corpo.

L’istituzione della motorizzazione della Regia Guardia di Finanza nel 1935 consentì al Corpo di disporre dei primi mezzi propri, acquisiti esclusivamente dall’industria nazionale e rispondenti alle particolari esigenze dei settori di impiego del Corpo.
Nell’occasione, presso lo stand allestito dal Comando Provinciale di Modena in Largo Sant’Agostino, i Finanzieri accoglieranno i visitatori illustrando loro i compiti istituzionali della Guardia di Finanza.

In particolare sono esposte: una FIAT 508 BALILLA VERSIONE “CASSONATO”, utilizzata per il trasporto delle truppe e dei materiali sequestrati, con la quale si diede avvio alla prima, diffusa motorizzazione dei reparti del Corpo. Le FIAT 508 ebbero per la prima volta le targhe di riconoscimento con l’abbreviazione “R.G.F.” (Regia Guardia di Finanza) in rosso su fondo bianco, seguita dal numero di immatricolazione di colore nero.

Una FIAT 125, i cui primi esemplari furono consegnati al Corpo alla fine degli anni ’60. Le FIAT 125 sono state utilizzate prevalentemente a supporto delle indagini dei Nuclei di Polizia Tributaria – in colori di serie e targa di copertura -, ma anche come veicolo per il trasporto delle autorità dei – all’epoca denominati – dicasteri del Tesoro, dell’Economia e delle Finanze a cui la Guardia di finanza, allora come oggi, ha sempre fornito il servizio
di scorta.
Inoltre, è presente un’auto di ultima generazione, una Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo – My 2020 – 200CV, da inseguimento recante i colori d’Istituto attualmente in uso al Gruppo Modena.

Articolo precedenteScomparsa di Andrea Canevaro, il cordoglio del sindaco di Bologna Lepore e dell’assessore Ara
Articolo successivoOcchi puntati sullo spreco alimentare, un’emergenza mondiale