Il sindaco Muzzarelli e l’assessore Bosi durante la presentazione dell’intervento

Ha preso il via a Villanova l’accantieramento per l’intervento di realizzazione di un nuovo campo da calcio che andrà a implementare l’attuale impianto sportivo “Canevazzi”, in strada Quattro Ville. L’area interessata dall’intervento è quella accanto alla Stazione ferroviaria. Prima dei lavori per il campo da calcio, quindi, si procede alla realizzazione più a sud di una nuova area cani, con relativa fontana, e di un’area gioco per i bambini, in modo da garantire continuità nell’utilizzo di questi servizi ora presenti nella zona dove si costruirà il nuovo impianto.

In occasione dell’avvio delle attività di cantiere, si è svolto un sopralluogo nell’area interessata con il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi, il dirigente dei Lavori pubblici Gianluca Perri, tecnici comunali e dell’azienda che si è aggiudicata l’appalto, il Consorzio fra Costruttori società cooperativa (Cfc), con sede a Reggio Emilia.

L’intervento, del valore di 1 milione 300 mila euro, è finanziato attraverso un mutuo erogato dall’Istituto per il Credito sportivo e per 50 mila euro da risorse comunali.

Proprio in questi giorni, inoltre è stata annunciata la vendita all’asta pubblica a unico incanto (base d’asta un milione e 856 mila euro) di un terreno edificabile a Villanova dove potranno essere realizzati fino a 44 alloggi. Si tratta dell’area che si trova nei pressi delle scuole primarie e dell’asilo nido, proprio di fianco a quella dove è programmata la costruzione della nuova scuola d’infanzia, candidata ai fondi del Pnrr per un valore di 2 milioni e 400 mila euro.

Il cantiere dell’impianto sportivo avrà una durata di circa sei mesi, è prevista la realizzazione di un campo da gara in erba naturale completo di panchine, degli impianti di irrigazione (fisso programmabile) e di illuminazione per eventi ed attività anche in notturna, la costruzione di un fabbricato a uso spogliatoi e servizi, la sistemazione delle aree pertinenziali in ghiaia e la realizzazione di marciapiedi e recinzioni, con cancelli carrai e pedonali. Per realizzare l’impianto sportivo inoltre sarà necessaria la rimozione di alcune alberature compensata con nuove piantumazioni che verranno effettuate secondo i criteri della stagionalità.

Il campo da calcio sarà di dimensioni nette pari a 100 per 60 metri lineari, utilizzabile quindi per tutte le gare e i campionati organizzati da Figc e Lega nazionale dilettanti, previa omologazione. Tutta l’area gioco sarà dotata di un reticolo di drenaggi superficiali che convoglieranno su drenaggi profondi e, attraverso un collettore perimetrale, nel vicino fosso di scolo comunale.

L’edificio a uso spogliatoi sarà a piano unico, realizzato con attenzione all’isolamento acustico e al risparmio energetico, provvisto di impianto solare per la produzione di acqua calda, fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e di impianto di ventilazione meccanica forzata per migliorare il confort microclimatico degli ambienti. Il fabbricato sarà composto da quattro spogliatoi per giocatori e allenatori, un locale doccia separato fornito di sei docce di cui una accessibile anche a persone con disabilità motoria, due servizi igienici di cui uno per disabili, due spogliatoi per arbitri, una infermeria facilmente accessibile sia dall’interno che dall’esterno dell’impianto, un locale lavanderia, due spazi deposito da utilizzare uno per ricovero attrezzature sportive e uno per attrezzature di manutenzione del campo, un locale centrale termica e tre ambienti destinati a segreteria, presidenza e saletta riunioni. I materiali impiegati consentiranno una facile pulizia e igienizzazione di tutte le superfici.

L’impianto sarà infine dotato di aree destinate a parcheggio utilizzabili separatamente dalle diverse tifoserie e l’area è servita da percorsi ciclabili.

Con un successivo intervento potranno, inoltre, essere realizzate la tribuna spettatori e il fabbricato a uso biglietteria, oltre che sistemata l’area esterna all’impianto e predisposto un pozzo artesiano per l’irrigazione del campo da calcio.

 

Articolo precedenteCastelfranco: c’è l’emergenza siccità, annullano le iniziative acquatiche a cui lavoravano da mesi
Articolo successivoMontese, seconda edizione di “Un Paese ci vuole”