Anas prosegue l’iter per la realizzazione dell’intervento di manutenzione straordinaria del ponte ‘Leonardo da Vinci’ a Sasso Marconi, sulla SS ex SP 325 “di Val di Setta e di Val di Bisenzio”, in provincia di Bologna.

Il ponte, della lunghezza di circa 220 m a scavalco del fiume Reno, è stato completamente chiuso al transito, anche pedonale, nel marzo 2021 dalla Città Metropolitana di Bologna, a causa delle precarie condizioni statiche di una parte della sua struttura, evidenziatesi, in particolare, in corrispondenza della pila 15.

L’opera, inclusa nel piano strade di rientro (DPCM, 20 febbraio 2018), con passaggio di competenza ad Anas, è stata inserita tra gli interventi infrastrutturali complessi e rilevanti per il tessuto socio economico del territorio che sono stati dotati di un Commissario Straordinario di Governo per favorirne la realizzazione, nominato con DPCM del 5 agosto 2021, ai sensi dell’art. 4 del D.L. 32/2019 convertito dalla Legge n.55 del 14.06.2019.

Il Commissario Straordinario ing. Eutimio Mucilli, Direttore Investimenti e Realizzazione, si avvale, per l’espletamento del suo incarico, delle strutture di Anas, che svolge in particolare le funzioni di soggetto attuatore e stazione appaltante.

L’intervento di messa in sicurezza del ponte – del valore complessivo di oltre 21 milioni di euro – prevede la parziale decostruzione della struttura esistente (impalcato e pile in calcestruzzo armato) e la conseguente costruzione di un nuovo impalcato, in struttura mista acciaio-calcestruzzo.

Completato l’iter autorizzativo del progetto dell’intervento, mediante apposita Conferenza di Servizi indetta dal Commissario Straordinario e conclusasi positivamente, si è provveduto all’adeguamento dei prezzi delle lavorazioni in progetto, al fine di far fronte alle note problematiche connesse al “caro materiali”.

Nel contempo, Anas ha individuato anche il contraente, nell’ambito di un Accordo Quadro già stipulato.

Pertanto, sin dai primi giorni di questo mese sono state avviate le attività di monitoraggio ambientale ante-operam nonché quelle per la bonifica dagli ordigni esplosivi delle aree interessate dai lavori e per la realizzazione delle opere provvisionali a protezione della linea ferroviaria ‘Pistoia – Bologna’.

Contestualmente proseguono le interlocuzioni con gli altri enti e gestori della linee di servizi interferenti.

 

 





PER LA TUA PUBBLICITA'
0536 807013

Articolo precedenteAggiornamento (12/8) Covid in Emilia-Romagna: 2.061 nuovi casi, oltre 3.700 guariti
Articolo successivoFa rientro in Italia dopo l’espulsione arrestato a Modena dalla Polizia di Stato