Per la prima volta, dopo oltre quarant’anni di attività espositiva la Galleria Contemporanea di Palazzo Ducale di Pavullo nel Frignano dedicherà una mostra alla danza, protagonista la danzatrice, acrobata e performer internazionale Elena Annovi, originaria di San Cesario sul Panaro. Sabato 17 Settembre alle ore 16.00, in occasione del vernissage, la danzatrice realizzerà a Palazzo Ducale una performance site specific.

Dal 17 settembre fino al 13 novembre 2022, nelle prestigiose sale di Palazzo Ducale, il visitatore potrà ammirare fotografie e video delle più significative performance dell’artista, eclettica sperimentatrice che ha realizzato negli anni progetti importanti con artisti altrettanto internazionali quali: Paolo Fresu, Manuel Attanasio, Battistina Casula. Elena Annovi, compositrice ed ideatrice, ha sviluppato negli anni un’esperienza internazionale, ed una passione per la danza in sospensione, Vertical Dance, nonché  per la  ricerca del movimento aereo indagando gli spazi e i luoghi non convenzionali, quali architetture industriali, luoghi abbandonati ed immersi nella natura.

Le fotografie esposte in mostra, che rivelano la complessa e costante ricerca dell’artista, sono state realizzate dal fotografo Enrico Maria Bertani. Scatti fotografici suggestivi, poetici e al contempo immersivi, condurranno il visitatore in un viaggio emozionale non solo visivo.

Sette i video in mostra tra i quali: Dökk e Ljós realizzati in collaborazione con fuse*, in cui luce, spazio, suono e movimento plasmano universi mutevoli e multimediali grazie al digitale, My soul My spirit, performance ispirata dalla musica di Paolo Fresu, che indaga la relazione corpo-natura-memoria in luoghi abbandonati ed incontaminati, di grande suggestione si annoverano due progetti ideati e realizzati in Sardegna, terra a cui la danzatrice è particolarmente legata, TELAI, installazione performativa visionaria che prende ispirazione dalle opere di Maria Lai, madre della Fiber Art sarda e AMAM un percorso di ricerca archeologico-musicale legato al culto della Dea Madre nelle Domus de Janas.

Elena Annovi sa esaltare con rara raffinatezza ed eleganza l’arte della danza, arte non solo della corporeità ma danza dell’anima, di un corpo femmineo consapevole di far parte di un’armonia universale e divina.  La danza diventa così  un linguaggio espressivo potentissimo in grado di creare relazioni e raccontare emozioni. La danzatrice ci accompagna in ogni suo movimento, invitandoci ad entrare, rispettosamente, in una dimensione onirica fluttuante e in un tempo e in uno spazio non convenzionali. E’ un tempo dell’attesa e dell’attimo sospeso che invita al vivere qui e ora. Lo spazio è silenzioso senza gravità quando il suo corpo in volo sfida la materia aleggiando nell’aria. Che sia immersa in un paesaggio naturale o antropico Elena Annovi danza in luoghi intrisi di sacralità e memorie ancestrali. L’osservatore è così invitato non solo a guardare ma a percepire con i tutti i sensi. Una danza che conduce gli astanti ad un’immersione emotiva ed empatica.

La mostra, a cura della direttrice delle Gallerie Civiche, Simona Negrini, prevederà per il periodo di apertura visite guidate anche rivolte alle scuole di ogni ordine grado ed eventi culturali collaterali multidisciplinari.

 

Assessorato alla Cultura Project – Galleria Contemporanea di Palazzo Ducale – via Giardini 3 – Pavullo nel Frignano – tel. 0536 29026 – www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it – cultura@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

 

 

 

Articolo precedenteTorna a Scandiano la festa dello sport in ricordo di Villiam Vecchi
Articolo successivoAcqua Lete è official partner di X Factor 2022