Operazioni di pompaggio nel riminese

La Regione si è mossa immediatamente, con un primo stanziamento di 8 milioni di euro da erogare alla Protezione Civile: risorse, queste, che verranno utilizzate per anticipare una parte di interventi di somma urgenza, consentendo così di “liberare”, in attesa dell’apposito decreto, 8 milioni di euro di fondi del Dipartimento nazionale per i Cas (Contributi di autonoma sistemazione) e rimborsi alle famiglie.

Lo ha detto in Aula l’assessore regionale al Bilancio, Paolo Calvano, rispondendo alla Lega su quali risorse proprie intenda mettere a disposizione la Regione Emilia-Romagna per le popolazioni danneggiate dagli eventi alluvionali, e quali interventi intenda finanziare.

Attraverso specifiche ordinanze, ha spiegato Calvano, a valere sui fondi messi a disposizione dal Dipartimento di Protezione civile, a oggi sono stati previsti e sono in corso interventi di somma urgenza, l’erogazione dei Contributi di autonoma sistemazione (Cas) e i rimborsi alle famiglie per 5 mila euro.

La Regione contribuisce dunque con questo primo stanziamento di 8 milioni di euro:  “Abbiamo scelto questa strada- ha precisato l’assessore- per essere più rapidi e spediti nelle nostre azioni, mettendo subito a disposizione quest’importo senza dover attendere l’assestamento e/o un’apposita legge di spesa che avrebbe ritardato una prima risposta alle comunità colpite. In questo modo- ha proseguito Calvano- ci siamo mossi celermente per far fronte alle esigenze della popolazione su autonoma sistemazione e rimborsi, il tutto in raccordo costante con il Dipartimento di Protezione civile. Rimaniamo naturalmente in attesa- ha concluso l’assessore- del decreto sulla ricostruzione, che auspichiamo arrivi in tempi rapidi e consenta di dare adeguate risposte a cittadini, imprese e comunità locali”.

Articolo precedenteCorreggio, gARTen: domani “Evelyne tra le nuvole” film girato sull’Appennino reggiano
Articolo successivoUrologia, due interventi da record per la chirurgia robotica dell’AOU di Modena