Sono partiti in questi giorni i lavori di realizzazione dell’ultimo stralcio del collegamento ciclopedonale Bosco-Pratissolo, in corrispondenza della località Sgarbusa, lavori appaltati dal comune di Scandiano alla società COFAR srl di Castelnovo ne’ Monti.

L’intervento durerà verosimilmente circa tre mesi, e verrà gestito in sinergia con la Provincia di Reggio Emilia per ridurre al minimo i disagi sulla SP 467R (via Bosco).

Disagi che in questi giorni e nelle prossime settimane naturalmente ci saranno, nel tratto interessato dal cantiere. La circolazione sarà infatti interrotta a singhiozzo in uno dei due sensi di marcia e verrà introdotto il senso unico alternato in alcune fasce orarie.

L’ultimo tratto della pista ciclopedonale Bosco-Pratissolo si svilupperà per un tratto lungo circa 200 metri, compreso tra via Valli e via Del Tesoro nell’abitato di Sgarbusa.

Un primo tratto verrà realizzato sul lato sud di via Bosco, e consisterà nell’allargamento del percorso pedonale già esistente in modo da ottenere una ciclabile a doppio senso di marcia. Il secondo tratto invece si svilupperà sul lato nord della Provinciale, con il tombamento del fosso stradale esistente.

I due tratti, essendo sui due lati della carreggiata – saranno collegati grazie ad un attraversamento pedonale regolato da un semaforo a chiamata, che garantisce  la sicurezza dei pedoni e dei ciclisti.

Il costo previsto dell’intervento è di 255mila euro, di cui 100mila ottenuti con un finanziamento di “Bike to work”, un progetto della regione Emilia-Romagna che mira a promuovere la mobilità sostenibile, incoraggiando i cittadini a utilizzare la bicicletta per gli spostamenti casa-lavoro, casa-scuola e per scopi turistici.

La realizzazione di nuove ciclabili è un passo importante per incentivare una scelta di mobilità più consapevole e ridurre l’impatto ambientale legato all’uso dell’automobile. Il collegamento ciclopedonale Bosco-Pratissolo rappresenta un progetto di notevole importanza per la comunità locale: questo tratto finale della pista ciclopedonale contribuirà a migliorare l’infrastruttura per la mobilità sostenibile e a permettere spostamenti più sicuri per i residenti della zona.

“La ciclo-pedonale in questione è una delle opere a cui siamo maggiormente legati – ha detto il sindaco Matteo Nasciuti – e vedere che verrà completata prima della fine del mandato amministrativo è motivo di grande soddisfazione. Ricordiamo che in fase di progettazione abbiamo scelto accuratamente il tracciato, proprio perché si tratta di un necessario collegamento tra la Frazione di Bosco e Scandiano, un collegamento che permetterà una volta completato di “cucire” i due territori in modo da favorire la mobilità sostenibile, e sicura, all’interno del territorio scandianese”.

 

Articolo precedenteIctus cerebrale: 300 casi ogni anno a Carpi, il 28 ottobre un convegno in Auditorium Loria
Articolo successivoSmash Repression a Modena, viabilità in sicurezza