Sono già previsti a partire dalle 7 della mattina di sabato 28 ottobre i divieti di sosta in alcune delle zone interessate dalla manifestazione Street Parade a Modena il cui inizio è previsto per le 15 dal Novisad, con sospensione temporanea della circolazione lungo il percorso che si sviluppa a distanza dal centro storico in direzione Parco Ferrari. Ma la gestione della viabilità è stata organizzata dalla Polizia locale in modo da garantire la ripresa della circolazione stradale immediatamente dopo il passaggio del corteo, non appena saranno assicurate le condizioni di sicurezza.

La manifestazione “Smash Repression” si è già svolta in altre città e consiste in un corteo con mezzi dai quali viene trasmessa musica. Si svolge a un anno dal rave party di Modena Nord, come protesta contro il decreto Anti Rave del Governo, e dell’iniziativa, esaminata in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica (Cposp), è stata regolarmente preavvisata la Questura. Nei giorni scorsi, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha rivolto un appello a organizzatori e partecipanti a evitare ogni tipo di provocazione e a rispettare la città, chiedendo anche a istituzioni e forze dell’ordine la massima attenzione affinché tutto si svolga in modo corretto, con senso civico e rispetto dei diritti di tutti i cittadini.

Sono regolarmente accessibili, per esempio, i parcheggi interrati del Centro e del Parco della Creatività, utili per raggiungere il centro storico dove, tra le diverse iniziative in programma, si svolge anche Sciocolà.

Lo Street Parade prende il via alle 15 dal Novisad (ritrovo dalle 14) per transitare in diverse strade cittadine (Monte Kosica, viale Crispi, piazzale Natale Bruni, viale Caduti in Guerra, largo Garibaldi, viale Trento Trieste, viale Muratori, via Giardini, viale Corassori, viale Italia) fino ad arrivare al Parco Ferrari intorno alle 20. In corrispondenza del passaggio del corteo, lungo il percorso autorizzato viene sospesa la circolazione e si adottano le opportune deviazioni.

Variazioni di percorso su itinerari alternativi sono previsti anche per il trasporto pubblico locale (per informazioni consultare il sito www.setaweb.it o contattare il call center 840 000216).

I DIVIETI DI SOSTA E LE DEVIAZIONI

In vista del corteo Street Parade, dalle 7 di sabato 28 ottobre in base all’ordinanza della Polizia locale è previsto il divieto di sosta con rimozione al Parco Novi Sad, nell’area denominata “Ex Ferri Vecchi” adiacente a viale Monte Kosica; così come in viale Crispi nel tratto da viale Monte Kosica al civico 32, su entrambi i lati; in viale Caduti in Guerra nel tratto da vicolo Porta Albareto a largo Garibaldi, dove l’area di sosta è normalmente al centro della carreggiata; in viale Muratori tra via Prampolini e viale Trento Triestre su entrambi i lati; in piazzale Risorgimento per lo stallo di sosta riservato al carico-scarico merci collocato al civico 55; in via Giardini nel tratto dal civico 44 a viale Barozzi, lato nord; e al Parco Ferrari, eccetto mezzi di soccorso e di polizia, nell’area adibita a parcheggio adiacente a via Emilia ovest, solitamente riservata al Mercato dei produttori agricoli.

Dalle ore 12 fino presumibilmente alle ore 20 non è possibile il transito in uscita ed entrata dalle vie Sadoleto (laterale di viale Muratori), Cardarelli (laterale via Giardini) e prosecuzione numerica di via Giardini direzione Baggiovara (fabbricato in angolo con Emilbanca) in quanto le strade su cui si immettono sono interessate dal passaggio del corteo. Anche l’ingresso e l’uscita dal Garage Ferrari, in viale Trento Trieste, durante il transito del corteo sono temporaneamente impediti.

Dalle ore 13, inoltre, è vietata la sosta in piazzale Natale Bruni davanti al civico 3, in corso Vittorio Emanuele su entrambi i lati da piazzale Natale Bruni fino all’ingresso dei Giardini Ducali (i cui ingressi lungo il percorso sono temporaneamente chiusi), in viale Caduti in Guerra da vicolo Porta Albareto a largo Garibaldi sul lato est della carreggiata, in viale Trento Trieste da largo Garibaldi a viale Muratori su entrambi i lati, in viale Muratori nel tratto da piazzale Risorgimento a via Prampolini su entrambi i lati, in piazzale Risorgimento da via Sigonio a via Giannone (lato sud), in via Giardini nel tratto da via Barozzi a viale Corassori nel lato nord e da piazzale Risorgimento a viale Corassori anche nel lato sud. In via Reggianini la circolazione è regolata a doppio senso e senso unico alternato con diritto di precedenza ai veicoli con direzione viale Caduti in Guerra.

Articolo precedenteIn bici da Bosco a Pratissolo. L’ultima fase dei lavori sulla ciclopedonale ha preso il via
Articolo successivoLa Bce lascia i tassi di interesse invariati