Ha preso il via martedì 14 novembre a San Felice sul Panaro il progetto: “Tu chiamale se vuoi emozioni”, un mix tra educazione alla comprensione del sé, inclusione, educazione civica, integrazione e conoscenza del proprio territorio, musica e pittura. Il progetto è realizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune e dalla scuola primaria dell’Istituto comprensivo di San Felice sul Panaro, in collaborazione con Cincillà Records e Pro Loco San Felice. In piazza Rocca, i piccoli artisti delle classi terze hanno iniziato a dipingere la tela bianca lunga più di 20 metri che delimita il cantiere che circonda la Rocca.

Ogni alunno ha raccontato e tratteggiato la propria emozione: felicità, amore, partecipazione, gioia, ma anche tristezza e paura. «Si tratta di un progetto interdisciplinare che nasce dal desiderio di avvicinare i bambini al complesso mondo dell’arte, alle loro emozioni e alla conoscenza più approfondita del loro territorio, anche attraverso la musica, tutto ciò ricordando il musicista Lucio Battisti a 25 anni dalla sua scomparsa – spiegano  le coordinatrici del progetto – abbiamo iniziato in classe con la  lettura di libri riguardanti l’argomento del progetto, per eseguire  un brainstorming sulle emozioni e poi arrivare ad esprimerle attraverso l’arte, cioè la pittura street art della parete bianca antistante la Rocca di San Felice». Un grazie anche alla polizia locale e agli assistenti civici che hanno scortato alunni e insegnanti sia all’andata che al ritorno da scuola a piedi. Nei prossimi giorni altre classi, un’altra musica per una sinfonia di emozioni e colori.

Articolo precedenteA Castelnuovo via al progetto “l’Europa dei diritti”
Articolo successivoEffetti laser e giochi di luce con eVolution Dance Theater, venerdì al Comunale di Carpi