La pillola per la pressione, per il cuore, per l’osteoporosi, per il diabete, i gastroprotettori, la vitamina D. Dopo una certa età diventa quasi la norma avere un lungo elenco di farmaci da prendere per la cura di patologie croniche.  La popolazione invecchia, gli anziani sono sempre più numerosi e con essi cresce il consumo di risorse sanitarie e farmaci. Ma davvero non c’è un’alternativa?

Se lo sono chiesto professionisti ed esperti a Bologna nel corso del convegno “La polifarmacoterapia: sfide e strumenti”, organizzato dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con l’Università di Bologna. I lavori del convegno sono stati aperti da Luca Baldino, direttore generale Cura della persona, salute e welfare della Regione Emilia-Romagna.

Si definisce polifarmacoterapia l’utilizzo contemporaneo, da parte di un paziente, di diversi farmaci, per patologie croniche. È tipica delle persone con più di 65 anni. L’utilizzo eccessivo di farmaci diversi può portare alla compromissione delle funzioni fisiche e cognitive e alla minore aderenza ai trattamenti: insomma, può rivelarsi controproducente per la salute dei pazienti.

In Emilia-Romagna sono 320mila i pazienti che assumono 6 o più farmaci per le loro terapie croniche: è un dato sottostimato, perché tiene conto solo dei trattamenti con più di 90 giorni di terapia nel 2022 e non comprende i farmaci per uso saltuario e quelli a carico del cittadino. I pazienti cronici che assumono 9 o più farmaci al giorno sono circa 80mila e si definiscono iperpolitrattati. Ma c’è anche chi arriva a superare i 15 farmaci giornalieri.

“Il consumo eccessivo di medicinali in generale e, in particolare, nella terza età rappresenta un problema riconosciuto dalla letteratura scientifica- commenta l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. L’utilizzo di tanti farmaci in contemporanea aumenta il rischio di controindicazioni o addirittura ricoveri in ospedali per reazioni avverse. Per questo sono fondamentali occasioni come queste, in cui gli esperti possano interrogarsi sull’appropriatezza delle cure e condividere, con un approccio multidisciplinare, strumenti ed esperienze diverse. Noi come Regione non ci stancheremo mai di privilegiare gli stili di vita sani che possono prevenire tante malattie croniche. I farmaci non sono l’unica risposta alla domanda di salute”.

Le Regione Emilia-Romagna e la polifarmacoterapia

Durante il convegno è emerso come il tema delle terapie croniche negli anziani è fondamentale per la Regione Emilia-Romagna. La gestione appropriata delle politerapie rientra tra gli obiettivi delle direzioni generali delle Aziende sanitarie. Insieme alla richiesta di iniziare un percorso di formazione multidisciplinare per migliorare la cura dell’anziano fragile che segue terapie multiple.

Negli obiettivi regionali, la gestione delle polifarmacoterapie deve assumere una rilevanza strategica negli ambiti ospedalieri e territoriali, attuando la “riconciliazione” tra le diverse aree specialistiche che prendono in carico il paziente, ma non può trascurare le residenze sanitarie assistite, dove si registra il maggior numero di pazienti politrattati.

Articolo precedenteInterventi urgenti e messa in sicurezza della strada provinciale SP29/1 a Medicina
Articolo successivoA Finale Emilia parte il cantiere per la riqualificazione del Ponte Vecchio