Dopo alcuni anni di interruzione legata al Covid, il Comune di Vergato torna ad offrire una proposta teatrale alle scuole del territorio, in collaborazione con l’associazione Ca’ Rossa: un calendario di quattro spettacoli selezionati dalle insegnanti dei rispettivi plessi, che propone un incontro per ogni fascia d’età.

La rassegna prende il via venerdì 9 febbraio con lo spettacolo “Nelson” della compagnia Anfiteatro di Tori, rivolto alla scuola secondaria di primo grado. Per il primo ciclo della scuola primaria martedì 5 marzo ci sarà “Papero Alfredo” di Teatro Giovani Teatro Pirata – Teatro Nuove Generazioni -, mentre, per il secondo ciclo della scuola primaria, martedì 12 marzo va in scena lo spettacolo “Amici invisibili” della compagnia Eccentrici Dadarò. Infine il programma si conclude con la proposta per le scuole dell’infanzia mercoledì 13 marzo con lo spettacolo “Soqquadro” della compagnia Teatro del Piccione di Genova.

Una rassegna di qualità, con compagnie teatrali di livello nazionale, che si svolgerà presso il Cinema Nuovo di Vergato e che presenta un’importante novità rispetto alle edizioni pre-pandemia: l’intero costo dell’iniziativa è a carico del Comune, evitando così di gravare sulle famiglie e permettendo a tutti gli alunni/e di partecipare agevolmente.

La rassegna teatrale coinvolge 9 plessi scolastici di Vergato, Grizzana Morandi, Tolè e Riola per complessivi 800 studenti. Il Comune di Vergato propone ai bambini e ragazzi di essere spettatori, in modo da sviluppare la fantasia, la creatività e la riflessione; ma propone anche un ruolo attivo: da anni sostiene infatti il ciclo di lezioni di teatro proposto dall’IIS Fantini ospitando i ragazzi presso la biblioteca comunale. In calendario un corso di laboratorio teatrale all’interno del Progetto “Giovani in biblioteca”, gratuito e rivolto a tutte le cittadine/i interessati.

Riferisce il Sindaco di Vergato Giuseppe Argentieri: “Il progetto Teatro ragazzi rivolto alle scuole rappresenta un’opportunità molto importante di crescita culturale per i nostri bambini, oltre ad uno stimolo per avvicinarsi ad un mondo, quello del teatro, ricco di fantasia e di fascino. La collaborazione con l’Istituto Comprensivo è attiva da anni ma ha visto uno stop a causa dell’emergenza Covid. Oggi riusciamo quindi a riavviare questo progetto, fortemente voluto dall’amministrazione e costruito dal nostro personale dedicato che ringrazio, in forma totalmente gratuita per le famiglie. Uno sforzo che riteniamo indispensabile oltre che importante: investire sulla cultura e dare stimoli culturali ai nostri bambini e ragazzi è fondamentale per una crescita sana, responsabile e sensibile della nostra comunità; si tratta di fornire concretamente gli strumenti per crescere con una mente aperta e partecipativa oltre a stimolare le capacità ed aspirazioni future di ogni persona”.

Articolo precedenteServizio Civile, incontro informativo giovedì 8 febbraio alla Biblioteca Mabic
Articolo successivoUn corso per operatore socio-sanitario presso l’Unione Comuni Appennino Bolognese