Home Reggio Emilia L’Università e la formazione specialistica a distanza

L’Università e la formazione specialistica a distanza

Un workshop organizzato dalla facoltà di Scienze della Formazione e dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, con il supporto del Centro E-learning dell’Ateneo, metterà a confronto esperti del settore sul tema della formazione a distanza applicata alle lauree specialistiche.

L’’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia sta moltiplicando i suoi sforzi verso la valorizzazione della formazione a distanza (FAD), un ambito di attività accademiche che, già oggi, consentono di presentarsi alla popolazione studentesca con tre differenti percorsi formativi, ovvero con le lauree triennali on line in: Comunicazione e marketing , Economia e informatica per la gestione delle imprese dalla facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia di Reggio Emilia e Scienze dell’Amministrazione dalla facoltà di Scienze della Formazione di Reggio Emilia.

In questo ambito il workshop “E-learning e Media Education: quali saperi, quali discipline, quale didattica e quali tecnologie per le professioni dell’E-learning”, organizzato congiuntamente dalle facoltà di Scienze della Formazione, dalla facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia e dal Centro E-learning dell’Ateneo, si pone come un’essenziale occasione di confronto e valutazione degli aspetti didattici, formativi, logistici, gestionali e tecnologici necessari a garantire qualità anche ai successivi corsi di laurea specialistica in modalità FAD.

Aperto a tutti gli interessati, il workshop si terrà domani, a partire dalle ore 10.00, presso l’Aula Magna del Complesso universitario di viale Allegri 15 a Reggio Emilia.
I lavori avranno inizio alle ore 10.00 con i saluti della prof. ssa Roberta Cardarello, Preside della facoltà di Scienze della Formazione, e della prof. ssa Paola Vezzani, Preside della facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia. Il prof. Tommaso Minerva avrà, quindi, il compito di introdurre la prima sessione di interventi che si susseguiranno con il contributo del prof. Alberto Colorni del Politecnico di Milano sul tema “E-learning e didattica universitaria: le politiche innovative e i problemi gestionali”, e del prof Luigi Guerra dell’Università di Bologna su “I contenuti pedagogici e i modelli didattici”.
Nel pomeriggio, alle 14.00, i lavori riprenderanno con l’introduzione del prof. Luciano Cecconi del Dipartimento di Scienze sociali, cognitive e quantitative ed i contributi del prof. Paolo Frignani dell’Università di Ferrara su “I contenuti del nuovo curricolo: i processi cognitivi e quantitativi”, della prof. ssa Patrizia Ghislandi, dell’Università di Trento su “I contenuti e le metodologie nel campo delle tecnologie didattiche” e del prof. Luciano Galliani dell’Università di Padova su “Un percorso possibile”, che consentirà di indicare idee e proposte praticabili per lo sviluppo della formazione a distanza.