Home Albinea Albinea, picnic di fine anno di All Inclusive Sport

Albinea, picnic di fine anno di All Inclusive Sport

Una bellissima festa alla Tana di Borzano con 500 persone







Cinquecento persone per parlare, conoscersi, approfondire e ricordare una lunga bella annata di sport inclusivo. Si congeda nei migliori modi l’esperienza 2021-22 di All Inclusive Sport, con una grande festa a Borzano, il progetto provinciale di inclusione della disabilità tramite la pratica sportiva che nella stagione appena conclusa ha permesso a circa duecento giovani di fare sport, in varie discipline, assieme ai loro coetanei. Il tutto con il coinvolgimento di decine di società dell’intera provincia, dalla città al Crinale alla Bassa alla collina, e di tantissimi altri atleti.

Il progetto All Inclusive Sport è giunto al sesto anno, coordinato da sempre dal centro di servizio per il volontariato CSV Emilia, e mette insieme realtà sportive, enti pubblici, famiglie, fondazioni, il mondo sanitario e imprese che hanno deciso di sostenere questo cammino.

La festa di fine anno si è tenuta nella serata di martedì 21 giugno alla Tana di Borzano di Albinea, nella bella zona sportiva del paese, grazie agli sforzi dei coordinatori, delle associazioni e dei gestori degli impianti. Il bilancio è davvero ottimo, quasi quattro ore di confronti e di esercizi pratici con la partecipazione di circa cinquecento persone.

Si è partiti sin dal tardo pomeriggio con una serie di esercitazioni su giochi e sport inclusivi, fra cui la scherma, con la campionessa nazionale paralimpica Veronica Martini e il Club Scherma Koala; il parkour inclusivo, con la Eta Move; il ciclismo per tutti con la New Bike e il Quidditch, organizzato da All Inclusive Sport. Nelle aree verdi erano stati sistemati tanti pannelli con le storie degli atleti del progetto e sotto le strutture attrezzate decine di volontari hanno preparato a ritmo continuo gnocco fritto, hamburger, fritture, tortelli e piadine per tutti i presenti.

A metà serata, sono arrivati gli interventi sul palco, per fare il punto dell’anno, aperti dal supertutor Tristano Redeghieri e da Federica Severini, referente territoriale di CSV Emilia, che dal primo anno coordina il progetto. Dopo i saluti dell’assessore allo Sport di Albinea Daniele Menozzi, Paola Martinelli con il figlio Gioele e la tutor Laura di Castelnovo ne’ Monti hanno raccontato la loro esperienza inclusiva nel nuoto.

A seguire, un vivace dialogo sull’inclusione con l’ospite d’onore Rocco Giorgianni, segretario generale di Fondazione Milan, Giammaria Manghi, capo della segreteria politica della Presidenza della Regione Emilia Romagna, Mauro Rozzi, presidente della Fondazione dello Sport di Reggio Emilia, e Gianni Zobbi, direttore della Medicina dello Sport e della prevenzione cardiovascolare dell’Ausl reggiana.

È stato poi il momento dei doverosi ringraziamenti, con le premiazione dei Comitati e degli Enti di promozione sportiva che collaborano con il progetto assegnati a UISP (ha ritirato Azio Minardi), CSI, US ACLI (ha ritirato Eugenio Amorosi), CONI (ha ritirato Barbara Foroni), CIP (ha ritirato Tristano Redeghieri).

A chiudere, l’omaggio ai gruppi sportivi inclusivi che hanno accolto gli atleti con disabilità in collaborazione con AIS. Erano presenti una quarantina di rappresentanti, premiati man mano da vari amministratori pubblici, in base alle rispettive provenienze territoriali.

Per il Comune di Reggio Emilia e Reggio Emilia Città Senza Barriere ha consegnato il premio Leonardo Morsiani, responsabile dell’Area Servizi alla persona delle Farmacie Comunali Riunite. Per l’Unione dei Comuni Tresinaro Secchia Giorgio Zanni, sindaco di Castellarano e presidente della Provincia. Per l’Unione dei Comuni Colline Matildiche Alberto Olmi, sindaco di Quattro Castella. Per il Comune di Cavriago e l’Unione Val d’Enza Francesca Bedogni, sindaca di Cavriago. Per gli altri territori Giammaria Manghi, capo della segreteria politica della Presidenza della Regione Emilia Romagna.

Davvero un bel momento, concluso con gli immancabili e brindisi e con un arrivederci alla prossima annata per nuovi cammini inclusivi. È possibile seguire All Inclusive Sport tramite il sito www.allinclusivesport.it, la pagina Facebook e il canale Instagram del progetto.






Articolo precedenteControlli dei Carabinieri coordinati dalla Compagnia di Sassuolo
Articolo successivoOperaio perde una falange in incidente sul lavoro all’interno di un salumificio